Vaccini per l’infanzia sono sicuri?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 9:44:42 12-01-2011

Quando il bambino inizia le sue visite periodiche dal pediatra che ne controlla peso e crescita secondo delle precise curve che ne attestano l’omogeneità, allora i genitori vengono a contatto con i primi esami obbligatori da far fare al piccolo. Siccome molte visite, tra cui quella alle anche e la somministrazione dei vaccini, avvengono quando il bambino non ha ancora compiuto i tre mesi, la sensazione è che siano ancora piccoli per provare l’ebrezza di un ago o di un’ecografia. È molto importante, dunque, il rapporto che i genitori hanno instaurato con il pediatra il quale offre assistenza ma anche supporto. Qualcuno sostiene che per curare i bambini debbano essere curati prima i genitori e probabilmente è così. Concentriamoci per un attimo sulla somministrazione della prima dose di vaccini che deve avvenire dal sessantunesimo giorno di vita fino al novantesimo giorno di vita.
Negli opuscoli informativi troverete una serie di nomi strani che in effetti possono spaventare. Il fatto che i genitori non sappiano esattamente di cosa si tratta, o meglio, non sappiano che quelle parole astruse si riferiscono a malattie comuni o spesso già debellate, fa paura. Invece i vaccini sono sperimentati e prima di mettere in commercio nuovi ceppi li testano bene. Tecnicamente sono delle proteine in cui si incastrano dei pezzetti di DNA di alcuni microorganismi che sono trattati in modo da stimolare il sistema immunitario a proteggersi ma senza infettare l’organismo. Attualmente si somministra l’esavalente e i genitori possono scegliere se, contestualmente, vogliono somministrare anche l’antipneumococcica. Siccome il sistema immunitario potrebbe non essere maturo, questa seconda dose che chiameremo “facoltativa” può essere posticipata. In molte regioni, se si somministra la facoltativa entro il sesto mese, il vaccino è gratuito, così com’è assicurata la gratuità, dopo il sesto mese, se il bambino va al nido. Per maggiori informazioni è bene consultare il servizio sanitario della propria regione di residenza.
C’è da dire che la vaccinazione comporta un piccolo disagio per il bambino. Sarà lo stress della prima volta, sarà proprio il vaccino, ma in genere sulla coscia dove c’è stata la puntura dell’ago si può formare un piccolo bozzetto da curare con una crema naturale di arnica. Inoltre, il bambino, per un paio di giorni a partire dalla somministrazione potrebbe essere stranito, aver voglia di stare in braccio o accoccolato. Rientra tutto nei cosiddetti effetti collaterali. L’antipneumococcica, invece, potrebbe portare al bambino qualche linea di febbre e se la temperatura sale oltre i trentotto gradi allora è bene somministrare il paracetamolo secondo le indicazioni del vostro pediatra.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Vaccini per l’infanzia sono sicuri?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento