Come si gioca a Bridge?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 11:36:31 24-12-2010

Il bridge si gioca con due coppie contrapposte, per un totale di quattro giocatori. Ogni coppia va a formare una linea, e ciascun giocatore è indicato con i punti cardinali: Nord, Sud, Est, Ovest. Va da sé che le linee contrapposte siano Nord-Sud e Est-Ovest. Per giocare a bridge serve un mazzo composto da 52 carte, esclusi i jolly. Il valore dei colori, o semi, è decrescente: si parte da Picche, poi Cuori, Quadri e Fiori. Quadri e Fiori sono detti minori o deboli, Picche e Cuori maggiori o nobili. Le carte, a loro volta si dividono in Carte Alte (otto, nove e dieci), Onori, (asso, re o k, donne o q, fante o jack) e Cartine, cioè tutte le altre. Il valore è decrescente a partire dall’asso: asso, re, regina, eccetera. Quando ci si riferisce al bridge, si parla di gioco di prese. Cos’è la presa? Essa è composta dalle carte giocate a turno dai giocatori (quattro) e viene conquistata da chi ha giocato quella più alta. Per esempio, se Nord gioca il fante di picche, Est può superarlo con la regina, Sud con il re, e Ovest a sua volta con l’asso, e quindi Ovest vince la presa. Ogni giocatore deve rispondere con lo stesso colore: se non ha alcuna carta del colore che serve, può usarne una di un altro colore ed eseguire, così, lo scarto. Non potrà vincere, però, la presa, visto che la gerarchia delle carte è basata solamente in relazione al medesimo colore. Il gioco vero e proprio è costituito da due parti: la prima è la licitazione, la seconda è il gioco della carta. Vince chi determina, mediante la licitazione, i numero di prese che si vogliono avere giocando la carta. Alla licitazione prendono parte quattro giocatori, in due coppie. Il numero di prese viene definito contratto. Ogni dichiarazione deve essere maggiore di quella che la precede: può superarla o per numero di prese o per valore. Nel momento in cui la coppia dichiara, è possibile decidere un colore che domina, la atout, la briscola, e scegliere se giocare un contratto con o senza atout. La dichiarazione finisce nel momento in cui nessuno esegue una licita dopo la licita di un certo giocatore. Inoltre, il contratto che dovrà essere messo in atto è rappresentato dalla dichiarazione finale. Chi vince la licitazione, quindi, deve ottenere il numero di prese che ha dichiarato: essere possono andare dal minimo di sette (visto che sei sono assegnate a chi vince l’asta) a un massimo di tredici (visto che le carta sono tredici: una presa per ciascun giocatore). Nel momento in cui bisogna decidere se giocare un contratto con o senza atout sarà importante valutare il numero della carte che la coppia possiede in un colore. Al termine della dichiarazione la coppia che si è aggiudicata l’aste deve realizzare il contratto giocando la carta, mentre la coppia dovrà impedirlo: si parla di gioco del dichiarante e controgioco, o gioco di difesa.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come si gioca a Bridge?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento