Come riparare un buco nel muro?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 18:03:40 22-12-2010

Basta poco per abbellire la nostra stanza, a volte servono solo un paio di mensole dove mettere in mostra cornici con le foto dei giorni importanti o soprammobili di vario genere. Ma anche una scaffalatura dove riporre collezioni di fumetti e di romanzi. In fin dei conti questi lavoretti richiedono poco tempo e poca fatica e non serve essere dei grandi esperti di fai da te. Basta un trapano, dei tasselli per rendere fissare la scaffalatura alla parete rendendola più stabile ed appendere le mensole. Dopo qualche anno può però venir voglia di cambiamenti: togliere mensole e scaffalature non è un’operazione difficile, ma ha una fastidiosa controindicazione. Restano degli antiestetici buchi nei muri.
Chiamare un muratore per dei lavori di poco conto è impensabile visto i costi, meglio armarsi di pazienza, dell’attrezzatura necessaria e soprattutto conoscere la giusta procedura da seguire.
Ecco quindi dei piccoli e preziosi suggerimenti per affrontare al meglio questa operazione di fai da te casalingo.
I materiali da utilizzare sono pochi: gesso o stucco nel caso di piccoli fori come quelli prodotti dai fischer che solitamente si usano per appendere mensole. Cemento a presa rapida per buchi con dimensioni maggiori. Servono inoltre pezzi di mattone, mattonelle, sassi o pezzi di legno; le dimensioni, o la quantità, sono strettamente legate a quelle del buco da ostruire.
Il primo passo è quello di allargare leggermente le dimensioni del foro utilizzando scalpello e martello. Il lavoro va fatto in larghezza, non in profondità per non peggiorare la situazione. A questo punto bisogna ripulire per bene l’area dove abbiamo lavorato, usando l’aspirapolvere ove possibile. In caso contrario possiamo servirci di una scopetta o di un pennello, l’importante è rimuovere tutti i calcinacci e la polvere presenti.
Se si usano gesso o stucco è opportuno inumidire con acqua la parte interessata; risulta molto comodo per questo scopo l’utilizzo di uno spruzzino, quello che solitamente usiamo per rinfrescare le nostre piante.
A questo punto dopo aver messo una prima parte di gesso/stucco o di cemento, bisogna riempire il buco con i frammenti di mattoni, sassi o legno. Serve a rendere più solido e resistente il “rattoppo” che stiamo effettuando. Aggiungere il resto del gesso (o cemento) fino a riempire del tutto il buco. Aiutandoci con un raschietto bisogna rendere la parte esterna più liscia possibile, distribuendo al meglio il materiale.
Non resta ora che lasciare asciugare per il tempo necessario, solitamente indicato nelle confezioni del prodotto che abbiamo usato.
L’ultima operazione da eseguire è quella della rifinitura. Tramite della carta vetrata bisogna infatti levigare la zona lavorata eliminando le parti in eccesso.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come riparare un buco nel muro?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento