Quali sono i sintomi dei calcoli biliari?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 14:21:12 16-12-2010

Per prima cosa, cerchiamo di capire cosa sono i calcoli biliari.

In parole povere e senza usare difficili tecnicismi, possiamo descriverli come dei piccoli sassolini che variano da pochi millimetri a qualche centimetro ,situati all’interno della colecisti o dei dotti biliari. Per esperienza personale posso affermare che più son piccoli, più sono pericolosi in quanto migrano con maggiore facilità, ostruendo il dotto biliare.

I calcoli biliari più diffusi, sono quelli del colesterolo. Come dice lo stesso nome sono dovuti ad una eccessiva produzione di colesterolo. Altri elementi scatenanti sono l’obesità e da non tralasciare l’appartenenza al genere femminile. Ebbene si, noi donne abbiamo tutte le fortune. Mi è stato spiegato che per gli anglosassoni una donna dalle quattro F è quella maggiormente soggetta a questa patologia. Pertanto la donna female, forthy, fatty, fertile vale a dire femmina di circa quarant’anni che ha avuto figli e naturalmente è obesa….

Possiamo vivere per tanto tempo senza avere nessuna sintomatologia, poi un giorno dobbiamo scontrarci con la triste realtà delle coliche.

Le coliche si manifestano con dolore acuto nella parte superiore dell’addome o a destra sotto le costole. Non esiste nessun preavviso, nel giro di pochi minuti si raggiunge il picco del dolore e può durare alcune ore o qualche giorno. Si ha una maggiore frequenza di episodi di coliche, nelle prime ore del mattino o la notte. In associazione al dolore molto spesso compaiono nausea e a volte vomito.
Inutile dire che la prima cosa da farsi e recarsi al più vicino pronto soccorso, qui dopo averci dato le opportune cure(in genere si tratta di farmaci antispastici) il dolore scompare.

Oltre alle coliche altri sintomi di calcoli biliari sono:
Una cattiva digestione se si manifesta in maniera ricorrente,
Flautolenza,
Inappettenza,
Dolore al fegato e allo stomaco,
Febbre, brividi
Nausea intensa e vomiti.

Dopo una prima visita il nostro medico può riscontrare ulteriori sintomi:
Toccando la colecisti il dolore risulta maggiore e più acuto.
Il fegato può risultare ingrossato.
Il bianco degli occhi può risultare ingiallito
Nelle urine si rintraccia la presenza di bilirubina.

E’ necessario effettuare una ecografia addominale per valutare più attentamente il nostro quadro clinico. Attraverso questo esame,non invasivo, si riesce facilmente a localizzare la presenza di calcoli nella colecisti.

L’intervento chirurgico è soltanto l’ultimo appiglio, questo viene effettuato preferibilmente per via laparoscopica, con l’indubbio vantaggio di avere un decorso post operatorio più semplice. In genere si tende a prediligere la terapia farmacologica .

Soffrire di calcoli biliari fa si che le nostre abitudini, soprattutto alimentari, subiscano dei cambiamenti, con lo svantaggio di non poter più mangiare alcune cose che tanto ci piacciono. Da evitare caffèe, te, frutta secca, salumi insaccati, bevande gassate, cacao, cioccolato e tutti i grassi mentre si deve abbondare con frutta e verdura. Praticare una attività fisica e perdere peso. Altra nota dolente, sapere che prima o poi una colica potrebbe farsi nuovamente sentire e l’intervento chirurgico diventa necessario.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Quali sono i sintomi dei calcoli biliari?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento