Quali sono i sette peccati capitali?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 16:02:09 06-04-2011

La cultura cristiana ha “normativizzato” tutta una serie di comportamenti che dovrebbero guidare l’azione dell’uomo e per fare, ciò oltre ai comandamenti, ha individuato i peccati capitali, ovvero peccati che dovrebbero essere da ostacolo all’entrata in paradiso per la loro gravità. I sette peccati capitali sono: Accidia, ira, superbia, gola avarizia, invidia, lussuria. L’accidia consiste in un generale stato di torpore che porta indifferenza verso il mondo esterno e alla tendenza a non impegnarsi in modo serio davanti ad un progetto, ma soprattutto a scappare di fronte alle difficoltà. Una persona colta dall’accidia tende a cercare sempre nuove emozioni e pone il proprio benessere immediato prima di ogni altro problema. Spesso le conseguenze di questo comportamento sono depressione anoressia e bulimia.
L’ira consiste nella rabbia eccessiva, spesso chi ha tale rabbia è solito dare la colpa della manifestazione della stessa ad eventi esterni che scatenano la stessa, in realtà spesso è solo un elemento che porta ad esternare una rabbia, già presente ed è una disarmonia nel rapporto con se stessi. Il terzo peccato capitale è la superbia, ovvero il credersi di essere migliori rispetto ad altri e aspettarsi e pretendere il riconoscimento da parte degli altri di tale superiorità. Il superbo tenta di circondarsi sempre di persone che sono disposte ad adulare, mentre evita e allontana le persone critiche che in realtà possono aiutarlo a migliorare. La gola è invece il desiderio di appagamento che arriva dal cibo fino ad abusarne per il solo piacere fisico provocato da esso e senza avere reale bisogno d cibo. Le persone affette da tale vizio tendono a riversare sul cibo il bisogno di affetto e sostituire esso all’affetto delle persone reali. L’avarizia è il peccato da cui si lasciano travolgere le persone che tendono a riconoscere se stessi e il proprio prestigio in base ad ai possedimenti e tendono quindi ad accumularne anche in modo poco etico solo per riversare sui beni materiali il loro potere, difficilmente dividono tali ricchezze con altre persone o le usano, perchè queste rappresentano per loro uno status di cui non vogliono privarsi e che non vogliono diminuire.
Il sesto peccato capitale è l’invidia. Essa consiste nel provare rancore o dispiacere verso persone che hanno qualità o beni superiori rispetto a se e quindi si tende a far del male o comunque a riversare su questa persona anche odio al solo scopo di sminuirla e comunque ledere le capacità o le sostanze di questa persona sminuendola ad esempio, all’occhio di altre persone. Infine il settimo peccato capitale è la lussuria. Questa consiste nella oggettivazione del corpo, ovvero ricercare nel partner solo degli aspetti puramente fisici tralasciando la persona nella sua interezza, in questo modo si oggettivizza il compagno e allo stesso tempo si sfugge a quelle che sono le emozioni e i sentimenti, l’altro diventa solo un oggetto del piacere da usare ma senza alcun coinvolgimento. Il partner diventa quindi sostituibile e di solito non si hanno mai relazioni stabili e che tendono a durare nel tempo, ma solo storie fugaci.

Quali sono i sette peccati capitali?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: La cultura cristiana ha "normativizzato" tutta una serie di comportamenti , alcuni comportamenti sono spontanei

Giudizio negativo Svantaggi: ostruiscono il cammino verso il paradiso

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: accidia cultura cristiana ette peccati capitali

Categoria: Varie

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Quali sono i sette peccati capitali?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento