Quali sono le piante autoctone resistenti alla siccità?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 9:11:40 03-01-2011

Le piante si definiscono autoctone se sono originarie di un determinato luogo, ossia quando nascono spontaneamente in un certo luogo, senza l’intervento dell’uomo. La particolarità di molte zone dell’Italia è la penuria di acqua . In questo modo la natura ha potuto selezionare le piante che meglio riescono a sopportare i periodi siccitosi , non di rado lunghi .
La prima pianta che deve essere menzionata è sicuramente il corbezzolo .
Questa pianta appartiene alla famiglia delle ericaceae assumendo sovente un portamento arbustivo .
Il corbezzolo non riesce , infatti , a superare i due metri d’altezza .
Inoltre riesce a svilupparsi molto bene anche in seguito ad un incendio . Le foglie risultano essere permanenti , coriacee con una lamina oblovato tendente ad una forma ellittica .

Il fiore è posto in un ramificato racemo di colore crema tendente al rosato con una corona lanceolata .

Il corbezzolo produce uno squisito frutto col quale si creano confetture e liquori . Inoltre non bisogna dimenticare il miele di corbezzolo .
Un’altra pianta , anch’esso arbustivo , è la ginestra .

La ginestra è un’altra pianta tipica della macchia mediterranea .
Tipica del bacino del mediterraneo la ginestra appartiene alla famiglia delle papilionaceae .
Questo genere comprende settantacinque specie di piante prevalentemente di portamento arbustivo . Le ginestre sono suffruticose, di facile coltivazione e rustiche .

Spesso le ginestre sono prive di foglie e quando presenti risultano essere di modeste dimensioni .

La ginestra è usata per mettere in sicurezza il terreno e per scopi decorativi .

Il mirto , chiamato anche mirtus communis , è la pianta per eccellenza della macchia mediterranea . Ha il portamento di alberello , non supera i due metri , con fiori ascellari , solitari e penduncolati . Le foglie , invece , sono persistenti , coriacee e di colore verde scuro .

Un’altra pianta che facilmente si adatta ad un clima abbastanza siccitoso è il cistus . Il cistus comprende circa venti specie di piante sempreverdi di portamento arbustivo . I cistus sono molto famosi per la loro fioritura abbondante e duratura . Il fiore del cistus è molto simile a quello della rosa selvatica . Esso appare , infatti , molto bello , semplice ma nel contempo delicato e si confà di cinque petali appiattiti ed alcuni stami . Allo spettacolo della fioritura si assiste verso il periodo primaverile . Non tollera i climi freddi .

Infine bisogna parlare del lentisco una pianta tipica delle zone costiere italiane . Il lentisco è una pianta dioica dal portamento arbustoso .
Sono presenti nella pianta fiori maschili e fiori femminili , si parla appunto di specie dioica . I fiori sono piccoli e di colore rosso .

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Quali sono le piante autoctone resistenti alla siccità?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento