Quali malattie sono più frequenti nei gatti?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 9:13:24 04-04-2011

I nostri amici gatti, nonostante siano animali mantenibili in buone condizioni, con poco impegno, a volte possono spaventarci a causa di eventuali patologie che possono colpirli. E’ bene conoscere i sintomi delle malattie più diffuse in modo da poterle riconoscere velocemente e prestare le cure adeguate. Al momento dell’acquisto di un animale domestico, la prima cosa da fare è recarsi dal veterinario per acquisire informazioni sullo stato di salute, sul tipo di alimentazione e sui vaccini da fare. Alcune malattie possono, infatti, essere facilmente prevenute con un semplice vaccino ma altre sono più gravi e addirittura mortali. Attraverso la profilassi vaccinale nel gatto è possibile evitare la rabbia, la toxoplasmosi, la calcio virosi, la gastroenterite felina o panleucopenia e la rinotracheite. Fra queste le più frequenti sono la toxoplasmosi e la gastroenterite. Quest’ultima, se colpisce i micini può essere letale, mentre nei gatti adulti, con una cura a base di antibiotici e flebo può essere superata. I sintomi sono vomito, diarrea e astenia.
La toxoplasmosi, ben conosciuta e temuta, è un’infezione parassitaria. Nella maggior parte delle volte il gatto è solo un ospite dei parassiti che provocano la malattia, facilmente trasmissibile all’uomo, ma, nella peggiore delle ipotesi i gatti piccoli e i giovani adulti possono infettarsi. I sintomi sono vomito, diarrea, depressione, prostrazione, perdita di appetito, polmonite e difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi, la toxoplasmosi può attaccare gli occhi e il sistema nervoso centrale, provocando cecità, causando alterazioni della personalità, bizzarri movimenti in circolo, difficoltà a deglutire e perdita di controllo nella defecazione.
Come la toxoplasmosi, anche la clamidiosi, patologia delle vie respiratorie, altra malattia frequente nei gatti, può essere trasmessa all’uomo.
Nell’ultimo periodo si sono diffuse malattie come i tumori, la leucemia felina e la sindrome da immunodeficienza felina o FIV, che sono molto gravi e spesso addirittura mortali. La leucemia felina è tipica del gatto, si trasmette tramite liquidi, tipo salina o urina. I sintomi sono: anemia, ittero, diminuzione dell’appetito con conseguente perdita di peso e diarrea. Tutt’oggi non esiste una cura specifica per tale malattia, ma fortunatamente c’è un vaccino che permette di prevenirla. La sindrome da immunodeficienza felina o FIV, anche chiamata aids dei gatti, può essere di tre tipi: latente, non si manifestano sintomi; acuta, presenta linfonodi e infezioni batteriche; e cronica, con aggressione di batteri e virus.
I gatti positivi a tale virus non dovrebbero assolutamente entrare in contatto con altri gatti per evitare la trasmissione. La patologia danneggia le difese immunitarie, così non è raro che l’animale muoia per il sopraggiungere di altre infezioni. Per la FIV, purtroppo, non esiste alcun vaccino.
Il gatto è un animale abitudinario, qualsiasi cambiamento nel comportamento o nell’alimentazione può essere sintomo di malattia, se ciò dovesse avvenire, quindi, sarebbe bene fare una visita di controllo dal veterinario, un intervento precoce è, infatti, importante per il trattamento di qualunque patologia.

Quali malattie sono più frequenti nei gatti?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: E' bene conoscere i sintomi delle malattie più diffuse , I gatti positivi a tale virus non devono assolutamente entrare in contatto con altri gatti

Giudizio negativo Svantaggi: non sottovalutare nessuna malattia

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: animali domestici felini malattie dei gatti

Categoria: Animali da compagnia

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Quali malattie sono più frequenti nei gatti?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento