Come posso curare i crampi alle gambe?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 22:11:59 07-12-2010

I crampi alle gambe sono quelle fastidiose e a volte dolorose contrazioni muscolari che si presentano all’improvviso lungo gli arti durante le ore serali o nelle ore notturne. Questi spasmi, a volte molto intensi, sono di solito localizzati all’altezza dei polpacci o anche dei piedi. Hanno per fortuna una durata molto breve, altrimenti la loro intensità rischierebbe di farci impazzire.
Solitamente non sono frequenti, né particolarmente preoccupanti. Quelli che invece si verificano durante il giorno potrebbero riguardare un problema un po’ più serio, legato ad un fatto arterioso, che va controllato.
I crampi notturni sono di natura muscolare. Il muscolo tende a contrarsi durante la notte, quando gli arti sono a riposo. In quella fase, infatti, i muscoli sono freddi perché si è fermi e la circolazione è rallentata. Il tono muscolare è allora più soggetto a questo fenomeno. Se aggiungiamo uno sforzo fisico in un periodo in cui siamo fuori allenamento, il quadro è completo. Direi che i crampi non risparmiano nessuno, né giovani né anziani, anche se nel caso di questi ultimi, di solito più sedentari, tende ad accentuarsi. Ma sono comuni anche gli spasmi muscolari dovuti a movimenti bruschi e a un’attività sportiva forzata o senza un adeguato riscaldamento.
Va detto che la contrazione muscolare non si può eliminare. Tuttavia esistono delle accortezze per tenerla sotto controllo. Fare movimento regolare, ad esempio, come ginnastica dolce o camminare spesso, fare dei massaggi e soprattutto seguire una dieta adeguata, ricca di sali minerali e oli che favoriscano la circolazione.
Si pensa infatti che i crampi siano più frequenti laddove si manifesta uno squilibrio di sali minerali tra sodio e potassio oppure magnesio e calcio. Questo accade di frequente a persone ipertese che assumono farmaci diuretici. Le ricerche mediche mostrano che uno stiramento comporta un danneggiamento dei tessuti. Tessuti che vanno ricostituiti con una dieta opportuna.
Per reintegrare le carenze vitaminiche e saline, dovremmo far rientrare nella dieta quotidiana tutti quegli alimenti in grado di apportare vitamine del gruppo B, vitamina C, magnesio, potassio, sodio, acido folico, oltre al calcio e alla vitamina D, necessaria per il suo assorbimento. Va aumentata dunque la quantità di banane, frutta secca in generale, pesce e fegato, uova e formaggi, e introdotti anche semi di sesamo e zenzero.
I rimedi omeopatici, che di sicuro non hanno controindicazioni, sono anzi un’ottima alternativa ai soliti integratori. Per gli spasmi è possibile inserire, lontano dai pasti, il Cuprum metallicum 6CH, che dovrebbe dare almeno un po’ di sollievo.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come posso curare i crampi alle gambe?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento