Piante antistress? Ecco quali sono i tipi da scegliere

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 16:05:16 04-03-2016

Incredibile ma vero. La natura è un’ottima alleata anche quando si è sotto stress, infatti in alcuni casi specifici ci sono piante dette propriamente antistress, che con le loro proprietà hanno molteplici effetti benefici. Disporre in armonia con il contesto circostante, una o più piante di questo tipo, sia in ufficio al lavoro che a casa, aiuta a rendere gli ambienti sani, rilassanti e purificati da tensioni. Non basta quindi affidarsi a tisane con erbe medicinali come la camomilla o la melissa o preferire il caffè nel caso contrario per un po’ di vitalità, ci si può rivolgere alla natura ancora prima. Che bastino due piante per eliminare la tensione accumulata al lavoro con i tanti impegni o in famiglia dai troppi obblighi? Ovviamente non è così semplice e immediato ma la positività che determinati tipi di piante riescono a emanare potrebbe davvero stupirvi. Eccone alcuni.

Partiamo dalla passiflora caerulea, una pianta ricca di flavonoidi, alcaloidi indolici e maltolo, tutte sostanze indicate per curare nervosismo e stati ansiosi. Veniva utilizzata in passato dagli Aztechi per le sue proprietà rilassanti e anche durante la prima guerra mondiale veniva somministrata ai soldati per la cura delle angosce da guerra. La specie della passiflora ornamentale si può tranquillamente coltivare in ambienti chiusi, richiede luminosità e una buona dose di umidità, sono assolutamente sconsigliate posizioni particolarmente ventilate e predilige un terreno fertile e molto fresco con una buona percentuale di sabbia.

Proseguendo anche l’iberico ricopre un ruolo molto importante. È una pianta perenne semi sempreverde, che produce curiosi fiorellini gialli con cinque petali delicati e piccole foglioline verdi, quando è in fioritura. Aumenta il livello di serotonina e dopamina, due neurotrasmettitori presenti nell’organismo che sono diretti a regolare il tono dell’umore. Infatti secondo alcuni studi pare che la sua efficacia sull’essere umano sia paragonabile a quella di alcuni psicofarmaci. Originaria dell’arcipelago britannico, predilige posizioni soleggiate e asciutte.

Dalle curiose bacche piccole e rosse anche il guaranà ha un’azione psicostimolante. Scoperta nella regione amazzonica, è in grado di supportare sforzi fisici migliorando la memoria e la capacità d’attenzione. Inoltre riduce il senso di affaticamento innalzando i livelli di energia e stimolando il sistema nervoso centrale. La sua presenza in ufficio pertanto, può essere di grande aiuto, soprattutto in particolari periodi di stress e duro lavoro.

Per i più appassionati, da non sottovalutare è il Panax, chiamato comunemente ginseng che è appartenente alla famiglia dei bonsai, proveniente dai paesi dell’Asia orientale. Si tratta di una pianta adattogena, in grado anch’essa di stimolare il sistema nervoso portando l’individuo ad avere maggiore reattività e una sensazione generale di benessere in grado di incentivare le attività organiche circolatorie e muscolari.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Piante antistress? Ecco quali sono i tipi da scegliere
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Rendono gli ambienti realmente sani e puri , Abbelliscono gli ambienti in cui sono inserite specie nei periodi di fioritura

Giudizio negativo Svantaggi: In alcuni casi necessitano di un'attenta manutenzione

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: piante

Categoria: Casa e giardino

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Piante antistress? Ecco quali sono i tipi da scegliere? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento