Mangiare carote aiuta a vedere meglio?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 15:23:05 30-12-2010

La carota, pianta erbacea delle zone temperate, nel tipo selvatico era conosciuta dai greci e dai romani che presero pure a coltivarla, contribuendo così alla sua diffusione.
L’ortaggio, consumato crudo, è ricco di “caroteni” che l’organismo utilizza per la produzione di vitamina A, importante per regolare il buon funzionamento della retina dell’occhio e quindi della vista.

Documentandosi sulle proprietà di quest’ortaggio, si scoprono una molteplicità di impieghi che vanno dall’utilizzo per ricavarne un olio aromatico per la fabbricazione dei liquori, all’uso in cosmesi per la sua caratteristica di antiossidante. La presenza di betacarotene invece viene sfruttata per stimolare l’abbronzatura, per portare beneficio alla vista, dando sollievo agli occhi stanchi e arrossati, per prevenire l’invecchiamento della pelle, per regolare il colesterolo, tonificare i reni…
Il betacarotene quindi, che l’organismo umano trasforma in vitamina A, ha tra le tante azioni benefiche anche quella di riuscire a contrastare la cecità notturna e la vista debole, risultando di conseguenza indicato a mantenere l’efficienza della vista. E tale effetto benefico si può estendere a quanti esplicano il loro lavoro dinanzi a un computer e alle persone che trascorrono svariate ore del giorno dinanzi alla TV.

Un modo semplice, sia pure alquanto empirico, di valutare un’eventuale carenza di vitamina A può essere quello di interrogarsi sul proprio stato di salute, considerando per esempio, se c’è in atto la percezione di un abbassamento della vista associato a difficoltà di mettere a fuoco gli oggetti, quando si è al buio, se le mucose di bocca e naso risultano secche, se la pelle tende a screpolarsi e a essere più secca del solito..
La presenza di due di tali condizioni è un campanello di allarme.

E mi vengono in mente i miei che me le facevano consumare spesso e a tavola arrivavano ben lavate insieme alla frutta. Poi, tra un giochino (infilzate opportunamente quattro stuzzicadenti nel corpo della carota e avrete un animale fantastico) e una chiacchierata (dato che la TV non c’era) sparivano sistematicamente.
Il detto popolare quindi, sull’aiuto alla vista, non è privo di fondamento, ma la scienza lo ha confermato.
Uno studio irlandese condotto per cinque anni con oltre 400 persone sulla settantina è giunto alla conclusione che i carotenoidi, con gli antiossidanti, contribuiscono a rallentare il processo di invecchiamento che porta alla perdita della vista, con particolare riferimento alle persone anziane in cui spesso si presenta la degenerazione maculare.
La luteina naturale, presente nel betacarotene, aiuta e nutre il pigmento maculare per cui, se risulta carente nell’organismo, può determinare danni alla retina che è sensibile alla luce. Negli anziani infatti è problematica proprio la densità del pigmento maculare che, danneggiato, può portare anche alla cecità. Ne deriva che un’assunzione equilibrata e costante di carote è consigliabile a tutti, sempre, e va incoraggiata sin da tenera età, in modo che i benefici siano sempre presenti e agiscano, quando l’età li richiede maggiormente.

Prezzo: 1 kg di carote = 1,00 euro circa

Svantaggi: Non ne sono stati individuati ed è difficile arrivare a “eccedere” nel consumo di carote.

Vantaggi: Aiutare “naturalmente” la vista nel tempo.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Mangiare carote aiuta a vedere meglio?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento