Le piante in acquario vanno potate?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 16:43:05 02-03-2011

Le piante dell’acquario devono essere potate. A seconda del tipo di gestione che sceglieremo (vale a dire piante a crescita veloce o lenta, fertilizzazione ridotta o intensa), la potatura rappresenterà un’operazione da eseguire secondo metodi diversi, ma che comunque resta imprescindibile. È importante, dunque, ridurre il volume delle piante dell’acquario. È curioso notare, per altro, come per molti appassionati di acquari la tecnica di potatura per molti aspetti rappresenti ancora un mistero, e di conseguenza non è raro trovarsi di fronte a vegetazione cresciuta senza controllo alcuno. È importante segnalare come la potatura rappresenti un’azione fondamentale ai fini della salute della pianta, che tuttavia deve essere accompagnata anche da un buon piano di fertilizzazione. Insomma, la crescita non dipende solo dalla fertilizzazione o solo dalla potatura, ma dall’insieme delle due operazioni. Certo è che l’assetto complessivo della vegetazione si può mantenere in maniera equilibrata solamente potando. Gli esperti distinguono due generi diversi di potatura. Una viene definita di struttura, l’altro di contenimento o mantenimento. La potatura di struttura è finalizzata all’irrobustimento delle plantule giovani, soprattutto nel momento di post allestimento, e allo stesso tempo alla definizione del cosiddetto layout. D’altra parte, la potatura di contenimento ha l’obiettivo di definire i particolari e allo stesso tempo di conservare l’aspetto del disegno scelto, limitando la crescita secondo la struttura e i limiti voluti. Nell’ambito della manutenzione e della gestione delle piante dell’acquario, dunque, risulta evidente come la potatura rappresenti un intervento indispensabile, sia che venga eseguito in fase di mantenimento ordinario, sia che venga applicato in seguito all’allestimento. Ma come si potano le piante? Prestando molta attenzione ai cespugli fitti, l’intervento deve avvenire nelle vicinanze della porzione di fusto situata tra i due nodi, chiamata internodo, dai quali i piccioli delle foglie si dipartono, attraverso il ricorso a forbici dotate di lame affilate alla perfezione. È importante che il taglio venga effettuato in maniera netta, senza lasciare nessuna sbavatura, così che la parte esposta si cicatrizzi subito e le gemme dormienti abbiano la possibilità di schiudersi. Generalmente, esiste l’abitudine di mantenere alcuni millimetri del moncone sopra la zona di taglio: si tratta di un’operazione finalizzata alla riproduzione delle foglie ascellari nuove, le quali in questa maniera saranno favorite per una schiusa più veloce. È fondamentale, poi, non incappare in un errore alquanto comunque, che consiste nel credere che la potatura eseguita con le dita non sortisca conseguenze negative sulla pianta. Si tratta di una pratica eseguita pizzicando tra indice e pollice lo stelo. Per quanto le piante rivelino una adattabilità alla ripresa vegetativa notevole, è bene evitare di farlo, perché la pressione che le nostre dita esercitano sullo stelo, soprattutto se esso è molto esile, fa sì che si crei un compressione irreversibile dei tessuti apicali della zona che viene asportata. Il deterioramento della pianta rappresenta una conseguenza inevitabile. Infatti, la nuova vegetazione non sarà prodotta dall’’ultimo internodo, ma da quelli situati più in basso, e così la parte in alto rimarrà priva di vegetazione.

Le piante in acquario vanno potate?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: acquario occupa poco spazio , le piante abbelliscono l'acquario

Giudizio negativo Svantaggi: le piante necessitano di cure

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: manutenzione acquario pesci acquario pesci rossi piante acquario

Categoria: Animali da compagnia

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Le piante in acquario vanno potate?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento