E’ possibile avere amici in affitto?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 20:37:31 10-12-2010

Scott Rosenbaum è il giovane fondatore di una delle mode più bizzarre e curiose che dilagano adesso nel web. Questo americano infatti ha fondato il sito Rent a Friend, che come suggerisce il nome si propone proprio di offrire a pagamento…degli amici da affittare. Negli Stati Uniti questo sito conta già più di 2000 iscritti e la sua popolarità è in ascesa in tutto il mondo…compresa l’Italia.
Il servizio di rent a friend.com è davvero unico; con oltre 218.000 associati tra cui scegliere diversi “amici”, si propone di offrire un catalogo sorprendentemente ampio di persone tra cui scegliere, in base a tariffe diversificate a seconda del tipo di servizio offerto e con le quali svolgere le più disparate attività che normalmente si farebbe con gli amici; andare al cinema, fare shopping, andare a fare una passeggiata, etc…ovviamente dietro compenso! Per iscriversi al sito e usufruire di questo stravagante servizio si deve pagare una quota iniziale di 25 dollari, dopodichè si dovranno pagare le “tariffe amico” che variano da un minimo di 10 a un massimo di 50 dollari a seconda delle attività desiderate. Ogni potenziale “amico” in affitto ha una propria scheda completa di foto e competenze, vere e proprie skills che permettono di individuare le caratteristiche della persona in questione; c’è chi da ripetizioni di musica, chi adora andare a fare compere e così via, di sicuro ci si trova di tutto. La versione italiana di questo servizio è disponibile esclusivamente a Roma e Milano ed è un po’ diversa da quella del portale americano; nel nostro paese infatti si propone di dare la possibilità a chi è in città da poco di affittare una sorta di guida turistica personalizzata.
A sua difesa contro i molteplici attacchi ricevuti, il giovane americano fondatore del sito originale, si difende sottolineando gli aspetti utili del servizio da lui offerto e affermando che a differenza di tutti gli altri siti web il suo offre un servizio privo di malizia ed esclusivamente legato all’amicizia, qualunque altra finalità comporta l’estromissione dal sito. Scott Rosenbaum però, sembra glissare evidentemente su quelli che potrebbero essere gli aspetti forse più preoccupanti di tutta questa iniziativa. Infatti sia diversi sociologi che anche moltissimi giovani hanno duramente criticato il servizio offerto da Rosenbaum, affermando che dietro cose del genere si nasconda solo una grande tristezza da parte di chi offre e di chi acquista e che sia davvero inconcepibile anche solo l’idea di poter comprare l’amicizia. Quindi sono proprio sentimenti molto intimi e connaturati alla natura del termine stesso “amicizia” a creare le più ferventi polemiche sul sito. Viviamo in un’epoca che mercifica ogni cosa pertanto esiste chi non trova poi così strano commercializzare anche l’amicizia, c’è da domandarsi quanto di umano ci sia in tutto questo.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su E’ possibile avere amici in affitto?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento