Da cosa deriva il termine ostracismo?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:15:53 21-06-2013

Il termine ostracismo nell’uso corrente significa esclusione, inteso come da un gruppo, od anche dalla società.

Ad Atene, nell’antica Grecia dove la parola è nata, indica un istituto giuridico riguardante la democrazia in vigore nella città, che comminava un esilio temporaneo, della durata di 10 anni a quelle persone che poteva rappresentare un pericolo per la democrazia stessa.

La parola greca da cui deriva è ” ostrakismós ” che a sua volta si basa sul sostantivo ” ostrakon “, in italiano coccio di terracotta. Secondo quanto riportato dal filosofo Aristolete l’idea dell’ostracismo si deve a Clistene nel 510 a.C. Altre fonti parlano invece di 20 anni dopo quella data, quando l’ostracismo fu applicato per la prima volta, a carico di Ipparco di Carmo. Per dare l’ostracismo ad una persona si teneva un’ apposita votazione, una sola volta l’anno, ed il nome veniva scritto dai partecipanti su un coccio di terracotta, da cui il nome. L’utilizzo dei cocci di terracotta al posto della carta è motivato dal costo eccessivo della carta stessa, quasi sempre papiro, che veniva importato dall’Egitto ed era perciò costoso, oltre che in scarsa quantità. L’ostracismo poteva essere sanzionato nei confronti di una persona, anche se non era stata emessa nei suoi confronti alcuna condanna penale, ma solo perché si temeva che potesse arrecare danno alla democrazia.

Un esempio di questo tipo è raccontato da Plutarco che si riferisce all’ostracismo dato a Aristide. La votazione di un ostracismo, per essere valida, doveva comunque aver visto la partecipazione di almeno 6000 cittadini ateniesi. La condanna all’ostracismo era personale e non colpiva i familiari; il cittadino che la subiva poteva nominare un amministratore dei suoi beni, che non venivano confiscati e ritornavano in suo possesso insieme ai diritti civili, al momento del rientro dall’esilio. Per chi non avesse eseguito l’ordine di esilio e fosse rimasto nella regione di Atene, si applicava la pena di morte.

Ai giorni nostri l’ostracismo rappresenta soprattutto l’esclusione che un individuo subisce dalla società o da una comunità ristretta, che viene messa in atta evitando di comunicare con quell’individuo o addirittura di notarlo. Nell’ambito scolastico l’ostracismo viene spesso accostato al fenomeno del ” bullismo “. Un’esclusione che potrebbe configurarsi come ostracismo è quella subita dall’esponente del M5S, Federica Salsi, da parte dei membri del suo stesso movimento per le sue idee. Una forma simpatica di ostracismo moderna è stata quella del libraio milanese che nel 2010, rinunciando anche ad un corposo introito affisse un cartello nella vetrina della sua libreria dichiarandosi indisponibile a vendere i libri di Bruno Vespa, e di fatto ostracizzandolo.

Restando nell’ambito della televisione un altro tipo di ostracismo si realizza nei ” reality show “, dove l’eliminazione del concorrente avviene con la scrittura del suo nome, non più sui cocci di terracotta, ma con un banale  SMS.

Da cosa deriva il termine ostracismo?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Il termine ostracismo deriva dall'Antica Grecia,. Si trattava di una pena, della durata di 10 anno, a chi fosse ritenuto pericoloso per la democrazia della città. , Deriva è " ostrakismós " , a sua volta derivato da " ostrakon ", in italiano coccio di terracotta. Prende tale nome per l'usanza di indcare chi potesse essere pericoloso alla serenità della città scrivendolo su cocci di terracotta, molto più economici dei costosi papiri

Giudizio negativo Svantaggi: Nel linguaggio comune assume il significato di escludere o della volontà di farlo qualcuno da una qual collettività

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: ostracismo

Categoria: Modi dire

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Da cosa deriva il termine ostracismo?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento