Curiosity: ecco le cinque scoperte su Marte

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 11:20:12 19-08-2013

Tutto è cominciato il 6 agosto 2012, quando il “Rover Curiosity” della Nasa è atterrato su Marte. In Italia erano le 7.32 di mattina, e la notizia venne trasmessa su tutti i telegiornali nazionali. La domanda che in molti si pongono è: sul Pianeta Rosso ci sono o no tracce di vita?

Dopo un anno di perlustrazioni sono cinque le scoperte scientifiche più importanti raggiunte dall’esplorazione del Rover. Una delle scoperte è che Marte in passato era un pianeta adatto a ospitare esseri viventi. A dimostrarlo sono state le ricerche effettuate all’interno di alcune rocce, che hanno evidenziato la presenza di ossigeno, fosforo, zolfo, idrogeno e carbonio. Queste rocce con tracce di sostanze argillose si sono formate nell’acqua, che per la bassa presenza di sali minerali doveva essere dolce e forse addirittura potabile.

In più è stata evidenziata la presenza di un letto di torrente, poiché le rocce esaminate si presentano levigate, arrotondate, lisce: i tipici detriti che scendono a valle dopo essersi arrotolati per chilometri lungo il corso d’acqua.

Inoltre in questo momento è impossibile vivere su Marte per la quantità di radiazioni che viaggiano sul pianeta. Uno strumento collocato a bordo di Curiosity ha registrato delle emissioni nocive, accumulate durante il viaggio di andata verso il Pianeta Rosso. Vivere su Marte oggi, equivale a sottoporsi ad una radiografia ogni 6 giorni.

Oltre a ciò è stato scoperto che dopo un anno di indagine su Marte non c’è la presenza di metano. La notizia non è delle più felici: gli organismi viventi e non solo loro, producono metano, l’assenza del gas significa che sul pianeta non c’è stata vita e nemmeno ce n’è ora, ma la ricerca continua.

L’ultima scoperta, ma non meno importante delle altre, ha rivelato che geologicamente Marte ha un ambiente molto diversificato. Vicino al Cratere Gale dove il Rover un anno fa è atterrato, gli scienziati della Nasa hanno rilevato la presenza di una varietà di rocce. In un chilometro di strada percorsa da Curiosity sono state trovate ghiaie, rocce di origine vulcanica, fanghi argillosi, diversi tipi di sabbia: tutti elementi che inducono a pensare che sul pianeta un tempo c’era molta acqua.

Curiosity: ecco le cinque scoperte su Marte
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Curiosity: ecco le cinque scoperte su Marte? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento