Covid-19: è utile fare il vaccino antinfluenzale?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:21:48 18-08-2020

Il vaccino antinfluenzale sarà un utile strumento contro una eventuale seconda ondata di coronavirus. La comunità scientifica ritiene utile il vaccino antinfluenzale per facilitare l’elaborazione della diagnosi: con il vaccino si escludono tutti i ceppi influenzali da cui si è protetti, restringendo il campo verso il COVID-19.

Una circolare da parte del Ministero della Salute ha esteso la copertura anche ai più piccoli e in questa direzione si stanno muovendo anche diverse regioni. La Regione Lazio, ad esempio, ha imposto la vaccinazione obbligatoria per over 65 e operatori sanitari. I pediatri potranno raccomandare il vaccino antinfluenzale anche ai bambini di età compresa tra 6 mesi e 6 anni, con la campagna che partirà in anticipo il 15 settembre.

Anche le altre regioni si stanno organizzando come il Friuli-Venezia Giulia che ha aumentato del 40% le dosi solitamente ordinate e ha disposto l’anticipazione dell’inizio della campagna di un mese. Nella stessa direzione si stanno muovendo anche Puglia, Veneto e Piemonte.

L’obiettivo è quello di tutelare la salute dei cittadini, con particolare attenzione alle persone più a rischio. Il periodo delle influenze genera spesso problemi e ingorghi negli ospedali e questo renderebbe ancora più complessa una seconda ondata di Coronavirus. Il vaccino, inoltre, limita la circolazione dei virus influenzali ed estendere la copertura ai più piccoli permette di abbassare le probabilità che l’influenza possa essere passata a genitori e nonni.

Il vaccino antinfluenzale è stato fornito gratuitamente a tutte le persone sopra i 65 anni anche se soltanto il 60% ha usufruito della campagna. Alcune regioni, quest’anno, hanno annunciato che la somministrazione del vaccino agli over 60 sarà a carico del SSN. La “Federazione degli Ordine dei Medici” aveva esortato ad estendere ulteriormente la gratuità anche alle persone sopra i 55 anni, perché la vaccinazione antinfluenzale permette di individuare nuovi focolai legati al Coronavirus e consente di ridurre la confusione tra COVID-19 e influenza stagionale, che spesso manifestano sintomi simili.

Aumentare la copertura vaccinale riduce anche potenziali sovraesposizioni legate all’inverno, stagione in cui circolano numerosi virus, batteri ed agenti infettivi. I virus, come quello del COVID-19, aprono la via a diverse infezioni batteriche. In Cina, una ricerca, ha mostrato che quasi la totalità dei pazienti in terapia intensiva per Covid aveva diverse sovra-infezioni batteriche, molte delle quali evitabili con i vaccini contro la polmonite. L’influenza, inoltre, aumenta il numero dei recettori dell’apparato respiratorio “attaccabili” dal coronavirus, facilitando il suo ingresso nell’organismo con un avanzamento più rapido dell’infezione virale.

Covid-19: è utile fare il vaccino antinfluenzale?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Ridurre la confusione tra sintomi influenzali e sintomi COVID-19 , Proteggere le persone più fragili ed i soggetti a rischio

Giudizio negativo Svantaggi: Scarsa copertura del vaccino su alcuni pazienti

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: covid-19 vaccino antinfluenzale

Categoria: Salute

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Covid-19: è utile fare il vaccino antinfluenzale?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento