Cosa sono i fibromi uterini?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 15:35:21 11-12-2010

I fibromi uterini sono dei tumori di origine benigna che colpiscono le cellule muscolari dell’utero, vengono chiamati anche miomi. Solitamente compaiono dopo i trent’ anni e più frequentemente dopo i quarant’ anni, nella seconda fascia colpiscono circa il 25% – 30% della popolazione femminile, il fenomeno è quindi abbastanza comune e tende a regredire con la menopausa. Non si conoscono le cause anche se si può ipotizzare un’ingerenza del fattore genetico.
Si tratta di crescite cellulari anomali che non hanno alla base malattie infettive o squilibri ormonali anche se, come vedremo, vi può essere una terapia ormonale. Possono sorgere in varie parti dell’utero ed essere di dimensioni varie, possono essere anche più di uno, di cui alcuni piccoli altri meno. Nel caso si tratti di fibromi di grandi dimensioni ( anche come un’arancia), l’utero tende a deformarsi.
Il fibroma non deve essere confuso con l’utero fibromatoso, in questo caso del tessuto fibroso va a sostituire il tessuto muscolare dell’utero che ha la funzione di aiutare durante il travaglio ad avere le contrazioni.
I fibromi uterini provocano un eccessivo sanguinamento, anche in occasione delle mestruazioni, e, soprattutto nei casi di fibromi di grandi dimensioni, del dolore pelvico. Lo svantaggio principale è dato dall’insorgenza di anemia, spesso anche forte, ciò come conseguenza dell’eccessivo sanguinamento, a sua volta l’anemia può portare stanchezza e squilibri nell’organismo.
Spesso si parla anche di degenerazione del fibroma dovuta alla morte di cellule interne dello stesso fibroma, ma tale degenerazine non trasforma il fibroma in tumore maligno.
Altro svantaggio può essere l’intervento chirurgico, più o meno invasivo, nel primo caso abbiamo un’isterectomia (asportazione dell’utero) scelto solitamente in età avanzata, quando non c’è più l’intenzione di avere figli, l’ovulazione in questo caso resta (è comunque da dire che non in tutti i paesi è vietato l’affitto dell’utero, ma in Italia lo è). Nel secondo caso viene asportato solo il fibroma, l’intervento può non essere definitivo.
Oltre tali rimedi, è possibile anche l’approccio farmacologico di tipo ormonale che riduce il sanguinamento, ma non elimina il fibroma, viene però eliminato il sintomo più importante, l’anemia. I fibromi asintomatici spesso non vengono neanche curati.
E’ bene comunque sottoporsi spesso a visite ginecologiche con esami ecografici per monitorare la situazione.
La terapia farmacolgica, a cui si è sottoposta una mia conoscente, ha il beneficio di poter evitare del tutto l’intervento chirurgico, infatti, con l’avanzare dell’età e la menopausa, come già detto in precedenza, il problema tende a regredire.
Conoco anche persone che hanno optato per l’ asportazione dell’utero come rimedio, ma hanno evidenziato dei risvolti psicologici legati a tale rimozione. Solitamente è comunque il medico a consigliare, caso per caso, qual’è l’approccio migliore. In questo caso di può ricorrere a più pareri e scegliere di conseguenza, alcuni dottori sono portati ad asportare in modo spesso troppo frettoloso.
L’approccio conservativo è sicuramente da privilegiare quando non va ad intaccare la normale vita della persona, le anemie non vanno sottovalutate per le implicazioni che hanno su tutto l’organismo.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Cosa sono i fibromi uterini?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento