Cosa ne pensi delle intercettazioni a Berlusconi?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:06:22 28-01-2011

Ormai da settimane la politica italiana è dominata da una vicenda che diventa sempre più esplosiva: quella che coinvolge il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e le sue frequentazioni femminili.
Ogni giorno viene reso noto il contenuto di intercettazioni compromettenti, che riguardano donne anche minorenni, personaggi popolari come Emilio Fede e il manager dei divi Lele Mora, vari collaboratori di Berlusconi.

Su questo materiale i magistrati stanno conducendo un’inchiesta.
Non è la prima volta che il leader del Pdl si trova in grave imbarazzo per il contenuto di intercettazioni che lo riguardano, non per nulla Berlusconi si è battuto per porre un limite a questo strumento di indagine, ma fino ad ora senza successo.

Quello che sta succedendo ultimamente però è particolarmente grave e rappresenta un’ ulteriore minaccia alla tenuta del governo. Il contenuto delle intercettazioni riguardanti le serate a casa del premier non si limita a rendere noti comportamenti privati leciti, anche se discutibili, ma permette di formulare ipotesi di reato. Pare infatti che siano coinvolte almeno due ragazze straniere minorenni all’epoca dei fatti e che gli ospiti del Presidente consumassero anche cocaina.

E’ deprimente che il tema principale del dibattito politico in Italia sia questo, sarebbero ben altri gli argomenti che dovrebbero essere all’ordine del giorno. Sarebbe più produttivo confrontarsi sul futuro dei più giovani, sulle prospettive delle aziende alle prese con la concorrenza estera, sulla scuola, sulla ricerca, sui problemi delle famiglie.
E’ anche lesivo dell’immagine del Paese tutto quello che siamo costretti a leggere sui giornali italiani e stranieri.

Tuttavia i magistrati hanno il dovere di indagare sui fatti che stanno emergendo, ed è inevitabile che la stampa ne parli, anche se il quadro che ne esce è desolante.

I cittadini hanno il diritto di essere informati su questi episodi molto spiacevoli e spetta alle persone coinvolte fare chiarezza: negare tutto, anche l’evidenza, non è più accettabile.
Soprattutto chi riveste un ruolo di responsabilità, come un consigliere regionale o addirittura chi ha incarichi di governo, non può sottrarsi alle indagini.
Nel frattempo i magistrati milanesi che si occupano del caso hanno inviato un corposo dossier di oltre 200 pagine alla Giunta della Camera, per poter procedere tra l’altro ad una perquisizione negli uffici del tesoriere del premier, incaricato di pagare le ragazze che partecipavano alle serate nella residenza di Berlusconi.

Inevitabilmente questa vicenda si trascinerà ancora a lungo e avrà risvolti imprevedibili, perchè altri elementi importanti stanno emergendo nelle ultime ore e i legali del premier si troveranno ad affrontare un compito arduo.

Intanto il resto del mondo si interessa alla questione e il New York Times, nella sua edizione online, organizza un dibattito sulla decadenza della democrazia in Italia e sui motivi che consentono a Berlusconi di restare ancora in sella, nonostante gli scandali e le difficoltà politiche.
Peccato, perchè il nostro Paese meriterebbe di essere ricordato anche per altri aspetti.

Il giornalista Beppe Severgnini, nel suo ultimo libro “La pancia degli italiani. Berlusconi spiegato ai posteri”, ha cercato di raccontare la storia recente dell’Italia e del suo premier più discusso.

Chissà se ai posteri riusciremo anche a spiegare la storia del
bunga-bunga!

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Cosa ne pensi delle intercettazioni a Berlusconi?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento