Cosa fare per trasferirsi a Dubai?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 19:55:58 11-12-2010

Quando si decide di trasferirsi all’estero ci sono delle cose da sapere e da fare ancor prima del trasferimento. Se avete deciso di spostarvi a Dubai ( ma questa è una regola che vale generalmente per ogni paese estero) dovrete comunicarlo all’ufficio delle imposte. Alcune autorità fiscali come ad esempio la UK Inland Revenue, attuano delle norme per tutelare quei cittadini che decidano di trasferirsi per vivere e lavorare all’estero per almeno un anno ma che non vogliono cambiare la propria residenza.
Non ci sono da pagare dazi al momento della dogana sugli effetti personali introdotti all’interno degli Emirati Arabi, mentre tutti i paesi degli Emirati prelevano un dazio doganale del 10% sui beni di lusso e del 4% sugli altri prodotti importati, tuttavia su una vastissima gamma di oggetti sono applicate delle esenzioni. Nel caso in cui decidiate di portare con voi la vostra auto a Dubai dovrete innanzitutto farne stimare il valore da un funzionario doganale e successivamente dovrete versare un dazio pari al 5% del valore calcolato dal perito. Infine dovrete ottenere la targa per poter circolare a Dubai e sbrigare le varie pratiche. Naturalmente per potervi trasferire a Dubai per periodi maggiori a 6 mesi vi occorrerà uno speciale visto lavorativo.
Questo viene comunemente definito come un permesso di lavoro e viene rilasciato dal Dipartimento dell’Immigrazione per poter consentire ad un cittadino straniero di lavorare in una società EAU. Per poter ottenere questo tipo di visto bisognerà sottoporsi ad un esame medico per accertarne la sana costituzione; questi esami vengono effettuati dal Ministero della Salute e da alcune cliniche private. Ai soggetti affetti da HIV o AIDS non verrà approvata la visita medica per nessuna ragione e di conseguenza non si potrà proseguire con le pratiche per ottenere il visto per il trasferimento. Per
quanto riguarda invece le pratiche per la domanda di lavoro, bisogna presentarle presso il Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali entro 30 giorni dalla data di ingresso a Dubai. Da qui andrà poi apposto un timbro con il permesso di soggiorno sul vostro passaporto. Nel caso in cui il vostro trasferimento fosse determinato proprio da una richiesta di lavoro all’interno di questa città degli Emirati, sarà proprio il vostro futuro datore di lavoro a dover fare la richiesta a nome vostro. In ogni caso, sia il visto di lavoro che il permesso di soggiorno dovrebbero essere completi entro e non oltre i 60 giorni dal vostro arrivo a Dubai. Senza il visto di soggiorno, infatti, non potrete aprire un conto in banca, registrare un auto, richiere una linea telefonica fissa, o comunque svolgere qualunque tipo di routine quotidiana. Bisogna avere un’eta limite di cinquant’anni per poter ottenere un visto di residenza nella città di Dubai, anche se sono previste delle eccezioni a questa norma. Generalmente però i visti prevedono una durata di 3 anni. Nel caso in cui vi trasferiate a Dubai con i membri della vostra famiglia dovrete fare richiesta di uno speciale visto di famiglia.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Cosa fare per trasferirsi a Dubai?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento