Cosa fare quando la tua auto viene rubata Aiuto?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 18:06:08 21-12-2010

Purtroppo in casa ci è capitato di fare i conti con le pratiche da svolgere nel caso di auto rubata visto che hanno rubato, qualche tempo fa, l’auto di lavoro di mio fratello.
La prima cosa che abbiamo fatto è stata la denuncia ai Carabinieri che ci hanno rilasciato un documento da cui risultava quanto denunciato. Abbiamo raccontato di non aver più trovato l’auto al mattino e i Carabinieri hanno trascritto le nostre dichiarazioni. Visto che all’interno dell’auto c’era anche la carta di circolazione e l’assicurazione mio fratello nella sua dichiarazione ha fatto presente anche l’ammanco di tale documentazione.
Bisogna rivolgersi al PRA per chiedere l’annotazione della perdita di possesso. A tale scopo è necessario presentare il certificato di proprietà del veicolo e una copia della denuncia: deve essere una copia conforme all’originale, resa dai Carabinieri. Mio fratello era in possesso del certificato di proprietà che non conservava in auto (quindi non è stato rubato come l’auto) ma nel caso in cui non si disponesse di tale certificato si può chiedere al PRA un’apposita nota che viene prodotta gratuitamente.
A PRA (Pubblico Registro Automobilistico) è necessario andare di persona e la documentazione non va inviata per posta. E’ necessario far riferimento al PRA della provincia di residenza dell’intestatario dell’auto.
E’ necessario comunicare all’assicurazione il furto entro i tre giorni successivi per l’avvio di tutte le pratiche necessarie. Visto che l’auto di mio fratello era assicurato contro il furto, la richiesta di annotazione della perdita di possesso è stata valida anche ai fini della relativa pratica assicurativa. La pratica assicurativa, poi, richiederà altri documenti che verranno dettagliatamente indicati e che dovranno essere forniti dal proprietario dell’auto. Per quanto riguarda la data di riferimento, in merito al furto, le cose sono cambiate negli anni e mentre in passato faceva fede l’annotazione del PRA, a partire dal 1999 ciò che fa fede è, invece, la data apposta nella denuncia fatta ai Carabinieri.
Se la data della denuncia di furto rientra nel periodo di copertura del bollo non è necessario provvedere al rinnovo. In caso contrario, qualora il bollo fosse scaduto e la denuncia fosse successiva il rinnovo è obbligatorio per tutti il periodo successivo.
Purtroppo si tratta di una trafila molto antipatica che richiede perdita di tempo (visto che ci si deve spostare da un ufficio all’altro) e la produzione di una determinata documentazione ma si tratta di tappe necessarie per poter tentare di risalire al veicolo (saranno poi i Carabinieri a comunicare un eventuale ed auspicato ritrovamento) ma anche per mettere in moto meccanismi relativi all’assicurazione.
Ci si augura che circostanze del genere non debbano verificarsi mai ma purtroppo a volte capita anche questo!

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Cosa fare quando la tua auto viene rubata Aiuto?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento