Cosa chiedere prima di acquistare una barca usata?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 8:56:21 08-04-2011

A un certo punto chi ama molto il mare, ma anche il lago, viene preso dalla voglia di muoversi in libertà sull’acqua e magari allontanarsi dalla costa.
Se c’è anche la passione per la pesca, la “voglia di barca” diventa una necessità primaria da soddisfare.

Quando a decidere di acquistare la barca è un neofita, vi sono dei consigli che farà bene a leggere e memorizzare “prima” di iniziare o proseguire la sua ricerca.

1. Se è giunto alla decisione dopo esperienze di vita in barca con amici o per averla noleggiata, nessun problema, può tranquillamente cercare la sua imbarcazione.
Se invece l’idea ha fatto capolino, perché è bello “vedere la gente in barca”, “scorrazzare sull’acqua”, “lanciare l’amo e pescare”…, beh allora l’interessato è bene che si prenda una pausa di riflessione, che prima noleggi e usi una barca per alcuni giorni, quanto meno che esca con qualcuno esperto per “vivere” l’esperienza e capire in modo responsabile, se davvero è interessato a una barca e a ciò che comporta.
Per esempio potrebbe soffrire di mal di mare e potrebbe non sentirsela di affrontare il rischio di non riuscire a superare tale malessere. Il mal di mare non è il dolore che uno sopporta in modo stoico, non è un disagio che elimina con una capsula, sempre. Quando arriva “prende” il malcapitato con una nausea e uno star male incontrollabile e terribile.

2. Se l’interessato sta leggendo questo secondo suggerimento, vuol dire che ha superato il problema evidenziato e vuole procedere.
Buone nuove allora, le barche usate si trovano facilmente ed è una prassi comune per gli appassionati e per chi ha deciso… di appassionarsi. Una barca si può paragonare a una caravan o a un camper, il suo valore muta poco nel tempo e, se alla fine uno si stanca, può cederla a sua volta, ricavandone quanto ha sborsato, anzi, se l’ha migliorata, anche di più.

3. Nella scelta è buona norma farsi affiancare da un esperto, si spenderà qualcosa in più, ma ci sarà maggior garanzia di non prendere un bidone.
In ogni caso una barca va controllata a secco, non si può fare una valutazione affidabile di una barca legata al molo, senza poter esaminare lo scafo.

4. Se si tratta di una barca in vetroresina, bisogna controllare sotto la linea di galleggiamento e saper riconoscere i segni dell’osmosi in atto. Per osmosi si intende la penetrazione dell’acqua attraverso i vari strati che si verifica, quando bolle d’aria rimangono all’interno del primo strato dello scafo. Quando una barca rimane sempre in acqua, è molto facile che ciò avvenga.
Se la barca è in legno, bisogna controllare bene lungo le giunture alla ricerca di rigonfiamenti della vernice e riparazioni effettuate in modo più o meno professionale.

5. Se la barca piace, va controllato il motore, magari col parere di un bravo meccanico e, prima di decidere per l’acquisto, “si deve” fare un giro di prova per vedere come risponde ai comandi, mettendo alla prova l’impianto elettrico e tutta la dotazione della barca.

Prezzo: molto variabile, in base a ciò che si sceglie (4 / 5.000,00 euro come minimo)

Svantaggi:nessuno, se c’è la passione!

Vantaggi: appagamento, se c’è la passione!

Cosa chiedere prima di acquistare una barca usata?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: va controllato il motore , appagamento

Giudizio negativo Svantaggi: nessuno se c'è la passione

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: barca barca usata scafo

Categoria: Varie

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Cosa chiedere prima di acquistare una barca usata?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento