Cos’è il Santo Graal ?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 22:53:24 08-12-2010

La leggenda del Santo Graal ha origini remote ed è la coppa utilizzata da Gesù durante l’ultima cena e usata in seguito per raccogliere il sangue dello stesso.
In realtà i Vangeli parlano di un calice usato durante l’ultima cena, ma poi non vi è più traccia dello stesso. La leggenda dice che mentre il corpo di Gesù veniva lavato prima della tumulazione, alcune gocce di sangue uscirono dalla ferita e Giuseppe D’Arimatea le raccolse in questo calice, in seguito quest’ultimo si rifugiò in Britannia.
In molti sono andati alla ricerca del Santo Graal individuandolo in varie parti, tra cui in Italia, sull’attendibilità non c’è certezza.
La fonte più antica narra che per l’ultima cena Gesù utilizzò un calice in argento che fu poi rinchiuso in una cappella vicino a Gerusalemme.
Per brevità ricordo due ritrovamenti (di uno però non vi è la materia prima disponibile), molto particolari per le storie che li avvolgono e perchè coinvolgono l’Italia.
Nel 1087 Papa Gregorio VII individuò il calice in Iran e organizzò una spedizione formata da marinai per trovarlo e portarlo in Italia. I suoi uomini pare, abbiano trovato un calice in una chiesa sconsacrata a Myra, città che si troverebbe oggi nell’ attuale Turchia, trovarono in quella occasione anche le spoglie di San Nicola, sembra che quest’ultimo sia stato il possessore del calice e attraverso esso effettuava doni ai bambini e ai malati. Da questa vicenda trae origine Santa Claus che poi paganamente è diventato Babbo Natale.
Arrivato in Italia il calice, Papa Gregorio VII ordina la costruzione di una basilica per raccogliere le spoglie di San Nicola, sembra con l’intento anche di nascondere il Santo Graal, di questo ritrovamento non c’è un oggetto che oggi possa darne conto.
Un’altra storia colloca il ritrovamento del Santo Graal nella Città Santa, intorno al 1100, fu recuperato dai crociati e prima venne portato a Genova, poi nel 1806 fu portato a Parigi e nel 1816 è ritornato a Genova dove ancora oggi è esposto e può essere ammirato. Si trova nella cattedrale di San Lrenzo, custodito nel museo del tesoro, si tratta di un piatto intagliato nello smeraldo verde di circa quaranta centimetri di diametro.
Questi sono solo due dei tanti ritrovamenti denunciati ed è vero che nel secondo episodio citato c’è la suggestione di un’opera concretamente ritrovata e molto bella, ma la prima storia ha il privilegio di unire la sacralità della religione, di un oggetto secolare, alla magia di quello che è sempre stato ritenuto un rito pagano ed è sicuramete una storia suggestiva da raccontare ai bambini per ravvivare lo spirito natalizio spesso troppo consumistico.
La leggenda del Santo Graal è stata racchiusa anche in un libro intitolato prorio “Il Santo Graal” scritto da tre autori (Baigent, Leigh e Henry Lincoln) nel 1983, in questo libro Gesù prese in moglie Maria Maddalena ed ebbe dei figli che poi si trasferirono in Francia dove, a loro volta i discendenti sposarono dei nobili. Questa teoria non è mai stata accettata ufficialmente dalla Chiesa e in molti paesi il libro fu censurato in quanto blasfemo.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Cos’è il Santo Graal ?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento