Come coltivare le piante idroponiche?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 11:57:07 24-12-2010

Le coltivazioni idroponiche vengono chiamate anche idrocolture e prevedono la coltivazione con l’utilizzo di acqua e sali minerali, senza terreno.
Il terreno viene sostituito con un substrato inerte contenente argilla e tale materiale non serve a nutrire o ad ancorare le radici, cosa che solitamente fa il terreno, tale funzioni sono svolte dai sali minerali e da un sistema di fili con cui la pianta viene “ancorata”. Con questo metodo possono essere coltivate vari tipi di pianta, dalle melanzane ai pomodori.
Volendo costruire una serra idroponica, occorrono circa trenta/ tentacinque euro a metro, richiede che sia mantenuta una determinata temperatura, alimentazione e ph, tale sistema permette comunque un raccolto abbondante.
Volendo divertirsi a casa, in appartamento, è possible realizzare un angolo con tali coltivazioni. Si possono piantare erbe aromatiche, ma anche fragole, oppure, pomodori.
Nello specifico, si possono comprare dei vasi già pronti, al costo di circa sette/ dieci euro, presso i negozi specializzati oppure, si può costruire un vaso da soli.
Per costruire un vaso, occorre un secchio come quelli di vernice e un normale vasetto di coccio con un buco sul fondo. Nel primo andrà l’acqua in cui discioglere i sali minerali per nutrire le piante, nel secondo l’argilla con i semini, questo vasetto deve essere immerso nella soluzione preparata. Occorre poi, una piccola pompa, come quella degli acquari, perchè c’è bisogno di ossigenare la soluzione acqua/sali minerali. Il consumo di corrente non è eccessivo. E’ necessario un tester per il ph il cui costo è di circa cinque euro. Il ph va mantenuto intorno al valore sei. Io per regolarlo uso delle gocce di limone per abbasaarlo e del bicarbonato per alzarlo, soluzioni, molto economiche.
I semini hanno un costo irrisorio, però si deve stare attenti a non comprarli già scaduti, con il tempo potete imparare anche a fare i semini da soli, ad esempio, quando raccogliete i pomodori, prima di mangiarli togliete i semini e poneteli al sole ad essiccarsi, dopo teneteli in un luogo ben asciutto, l’anno successivo potrete ripiantarli.
I sali minerali devono essere comprati nei negozi specializzati, ricordate di non esagerare perchè potreste bruciare le piantine.
Per esperienza, se avete spazio in lunghezza, per i bambini può essere divertente veder crescere delle angurie, sono semplici proprio perchè non richiedono molte cure e vedere l’anguria crescere da una piantina lunga ma non fortissima sarà davvero bello.
Il vantaggio è di produrre dei frutti in casa, con del risparmio, ma soprattutto con la sicurezza di non aver usato prodotti nocivi, i sali minerali, infatti, sono degli elmenti nuritivi presenti anche in natura e non avrete usato dei pesticidi.
Tali frutti sono anche più nutritivi. infatti, spesso i terreni pur dando dei frutti, sono poveri di sostanze nutritive e di conseguenza anche i frutti lo saranno. Ricordate di sostenere con fili le piante che crescono in altezza. Naturalmente, volendo realizzare questo tipo di lavoro, vi è lo svantaggio di dover seguire le piantine in modo costante altrimenti muoiono, lo sconsiglio a chi è sempre in viaggio.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come coltivare le piante idroponiche?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento