Chi erano i Celti?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 17:52:55 12-01-2011

I Celti non sono stati un popolo vero e proprio, quanto piuttosto l’interazione tra più popolazioni di origine indoeuropea, che hanno sempre mantenuto una certa divisione diffondendosi in lungo e in largo per l’Europa con nomi diversi. Queste tribù belligeranti, l’etimologia del nome sarebbe dovuta proprio a questa caratteristica, sono state raggruppate successivamente solo per comprendere meglio la loro origine. Tra l’età del bronzo e quella del ferro, più di 2000 anni prima di Cristo, queste tribù iniziarono a stabilirsi nell’Europa centrale, in un’area circoscritta, delimitata dal Reno e dal Danubio; dando vità a un raggruppamento che gli storici hanno ribattezzato con il nome di “Protocelti”, tribù nomadi migrate da altre parti dell’Europa e dall’Asia. La prima vera e propria espansione di queste popolazioni, con una loro identità linguistica e culturale di base, inizia intorno all’ VIII secolo avanti Cristo, raggiungendo la parte settentrionale della penisola Iberica e le Isole britanniche, per poi diffondersi diversi secoli dopo, in una nuova ondata migratoria, anche nella parte più meridionale dell’Europa, toccando anche Italia, Balcani e Anatolia.
Tra le varie popolazioni celtiche che si stabilirono nel corso dei secoli in varie zone dell’Europa ci furono: I Britannici nell’attuale Regno Unito e Irlanda, i Galli in Francia, i Celtiberi nella Spagna settentrionale, i Galati in Mesopotamia e i Pannoni grosso modo nell’area che oggi è occupata dall’Austria e dall’Ungheria. Molte di queste popolazioni furono poi colonizzate da Roma durante il periodo della sua massima espasione, alcuni, data la maggiore vicinanza geografica, subirono molto questa invasione perdendo buona parte della loro identità linguistica, in particolare i Celtiberi e i Galli, mentre i Britanni nonostante l’invasione romana mantennero intatta la loro identità linguistica e le loro tradizioni.
Le tribù celtiche nonostante alcune differenze poggiavano tutte su una rigida struttura patriarcale e su profonde convinzioni religiose. In grande considerazione erano tenuti i Druidi, sacerdoti ma anche depositari della legge e della conoscenza all’interno della tribù. C’erano poi i cavalieri, che svolgevano funzioni prevalentemente militari e politiche e il popolo, raggruppato in una massa indistinta.Le divinità celtiche erano legate principalmente alla natura, non mancavano riti, omaggi e sacrifici per ingraziarsi qualche divinità e sperare in un buon raccolto. Oltre all’agricoltura e alla caccia non mancavano altre attività come l’artigianato e il commercio. Molte tribù nel corso dei secoli per difendersi meglio iniziarono ad unirsi fino a creare delle vere e proprie comunità con proprie leggi e una fiorente economia, stabilendosi definitivamente in un luogo. Non ci fu mai una lingua celtica vera e propria, le varie popolazioni risentirono molto dell’influenza romana e poi de quella germanica.
Il declino definitivo delle ultime popolazioni celtiche rimaste più o meno intatte con una loro lingua si ha nel Medioevo con il loro definitivo inglobamento da parte dei popoli Germanici e dei Vichinghi. Molte delle antiche tradizioni e delle antiche usanze celtiche sono state tramandate e giunte fino a noi.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Chi erano i Celti?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento