Chi era Gabriel García Márquez

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 12:52:52 18-04-2014

Gabriel García Márquez era uno dei più illustri scrittori del nostro tempo, nato in Colombia, ad Arataca nel 1927 e deceduto all’età di 87 anni a causa dell’improvviso aggravarsi di una polmonite.

Nato in una ricca famiglia borghese di alti ufficiali dell’esercito colombiano, Gabriel García Márquez  ebbe l’opportunità di frequentare le migliori scuole del Paese e l’Università di scienze politiche, intraprendendo la carriera di giornalista.
Sebbene fosse un’apprezzata penna della carta stampata, Gabriel García Márquez divenne famoso per la sua capacità di scrivere romanzi: il suo stile è sempre stato fluido e scorrevole, immaginifico. Con le sue parole è riuscito a far viaggiare con la mente generazioni di lettori che riuscivano ad andare oltre le pagine del libro, per esplorare il mondo che Gabriel García Márquez voleva loro raccontare e che racchiudeva tra i fogli di carta.

García Márquez viene universalmente riconosciuto come l’esponente principale del movimento letterario del realismo magico e uno dei maggiori scrittori della cultura sudamericana ed è grazie a lui che, dagli anni Sessanta, si è assistito a un incremento notevole dell’interesse verso la letteratura dei Paesi latini.

Una delle caratteristiche principali dei suoi romanzi è la continua mescolanza tra la realtà e la fantasia: è difficile capire dove inizia una e finisce l’altra, perché le trame dei suoi libri hanno una struttura particolarmente articolata e flessibile, frutto della sua straordinaria capacità di lavorare su piani diversi e paralleli. L’allegoria e l’ironia sono due elementi imprescindibili nei romanzi di Gabriel García Márquez, un modo per provare a sorridere di una realtà spesso crudele che, con le sue ambiguità e contraddizioni, nell’immaginario di Márquez è diventato sempre più una parodia di se stesso.

Tra i suoi romanzi più conosciuti c’è sicuramente “Cent’anni di solitudine”, che rappresenta forse l’opera più famosa nel mondo, il baluardo della sua arte, letta da milioni di persone e che continua ad essere un romanzo simbolo della narrativa del Novecento; si calcola che, ad oggi, siano state vendute oltre 20 milioni di copie di questo libro che è viene considerato come una delle più importanti opere in lingua spagnola di sempre, seconda solo al “Don Chisciotte” di Miguel de Cervantes.

Inutile dire che, il suo talento, è stato apprezzato e premiato da numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui non poteva mancare forse il più importante che uno scritte possa ricevere, il Nobel per la Letteratura, che gli è stato assegnato nel 1982.

La sua figura è stata particolarmente importante durante tutti questi anni, non solo per la produzione di importanti opere che hanno contribuito ad arricchire la storia della letteratura del Novecento, ma anche per la sua figura di mediatore in patria. La Colombia, infatti, soprattutto tra gli anni Ottanta e Novanta, era in mano alle FARC, i gruppi armati dei narcotrafficanti e dei guerriglieri e Márquez lavorò in collaborazione con i potenti dei Governi per cercare di riportare la pace e la tranquillità nella sua terra natia.

Chi era Gabriel García Márquez
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Chi era Gabriel García Márquez? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento