Zanzare: combatterle e agire tempestivamente sulle punture

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:00:51 24-07-2014

Con l’arrivo della stagione estiva e del grande caldo, giunge inesorabile il pericolo costituito dalle zanzare. In particolare, se i mesi precedenti quelli estivi sono stati caratterizzati da molte piogge, le zanzare avranno trovato modo di proliferare, in quando le femmine depongono direttamente le uova sulla superficie degli specchi d’acqua.

Esistono molti tipi di zanzare dalla zanzara comune, che presenta un corpo allungato e molto esile, alla zanzara tigre, più aggressiva, di maggiori dimensioni e che presenta un corpo a strisce. La zanzara tigre, inoltre, al contrario di quella comune attacca anche durante il giorno.

Bisogna ricordare che, mentre le zanzare maschio sono inoffensive, sono le zanzare femmine ad attaccare l’uomo.

Rimedi naturali

Se si vuole attuare una strategia preventiva per difendersi dalle zanzare è possibile ricorrere a diverse soluzioni. Chi vuole impiegare rimedi tradizionali assolutamente naturali può mettere sul fondo di un piatto pochi cucchiai di aceto e qualche fettina di limone; l’odore che si sprigionerà terrà lontane le zanzare.

Anche la cipolla, tagliata a metà e messa in un piattino con infilati dei chiodi di garofano ha la stessa funzione. Vasi di gerani oppure piante di citronella o di lavanda costituiscono degli eccellenti repellenti naturali. È possibile anche mangiare alimenti che diano origine ad un sudore che le zanzare percepiscono come fastidioso.

Ad avere questa caratteristica sono, ad esempio, l’aglio, il peperoncino, il lievito di birra e gli alimenti contenenti vitamina C.

In caso di puntura

Nel caso si venga punti dalle zanzare per prima cosa lavarsi con un detergente o con un sapone asettico, quindi applicare del ghiaccio direttamente sulle punture; in tal modo verrà ridotta l’infiammazione. Qualora la puntura sia particolarmente fastidiosa, soprattutto se causata da zanzare giganti, provocando sia prurito che gonfiore, per evitare di grattarsi troppo e di dare origine a possibili infezioni si può ricorrere a delle pomate specifiche, facilmente rintracciabili in erboristeria o in farmacia.

Per chi non vuole utilizzare medicinali un grande sollievo può essere dato da una soluzione composta da 1/2 litro d’acqua e da un cucchiaio di bicarbonato, da applicare direttamente sulle punture, oppure è possibile passare la zona interessata con un batuffolo di cotone imbevuto di aceto di mele.

Quando ad essere oggetto delle attenzioni delle zanzare sono dei neonati è opportuno agire preventivamente, per evitare che delle piccole punture si trasformino in importanti reazioni infiammatorie o, addirittura, in piccole infezioni. Se il neonato ha meno di 3 mesi di vita è opportuno, durante il giorno, applicare alle finestre della stanza all’interno della quale il bambino riposa delle zanzariere, oppure avvolgere con della stoffa la culla. Questo consentirà di tenere aperte le finestre e di avere un ricambio d’aria efficace.

Alla sera coprire il più possibile la pelle del piccolo, spruzzando direttamente sui vestitini dei repellenti; evitare di applicare questi ultimi alla pelle del bambino, perché è ancora troppo delicata. Per neonati di qualche mese possono essere, invece, utilizzati dei prodotti naturali la cui base sia costituita da timo, citronella o lavanda; le sostanze di cui sono composti sono assolutamente innocue per il bambino.
Un’alternativa è quella di usare dei dispositivi ad ultrasuoni.

Zanzare: combatterle e agire tempestivamente sulle punture
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Zanzare: combatterle e agire tempestivamente sulle punture? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento