Vitamina C non solo in inverno: quali sono i suoi benefici?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 21:12:19 30-11-2010

È proprio la stagione giusta ma non l’uninca,per parlare di vitamina C perché è risaputo che una delle prime proprietà della vitamina C è quella di rafforzare le difese immunitarie e in inverno sappiamo bene tutti quanto sia importante che le nostre difese siano preparate ai malanni stagionali come raffreddori, mal di gola e febbre.
Proprio legato a questi disturbi, vi ricordo che la vitamina C può anche essere utile nei soggetti che soffrono di allergie e quindi accusano disturbi come raffreddori e asma.
La vitamina C è stata scoperta o meglio isolata ben 75 anni fa.
Tra i vari cibi naturalmente ricchi di vitamina C, c’è il kiwi che a parità di peso, ne contiene molto di più delle arance anche se forse sono in pochi che lo sanno.
Ma la vitamina C non è solo utile per rinforzare le difese immunitarie, sono anche altre le caratteristiche importanti per cui dobbiamo fare in modo di assumerne a sufficienza con l’alimentazione e nel caso in cui questo non sia possibile, ricorrere a degli integratori specifici.
Un’altra caratteristica che possiede la vitamina C è che favorisce l’assorbimento del ferro.
Questo risulta essere molto importante per chi è anemico ma anche per le donne fertili, quando a causa del ciclo mestruale si può essere appunto carenti di ferro.
Tenendo sempre come soggetto le donne, vi illustro un’altra caratteristica della vitamina C che credo farà molto piacere a chi ancora non ne era a conoscenza.
La vitamina C interviene nella produzione del collagene in modo significativo e questo, in parole povere, significa che contrasta il formarsi delle rughe.
Quindi credo che sia molto meno costoso e più naturale cercare di contrastare le rughe mangiando qualche kiwi a settimana o bevendo una buona e succosa spremuta d’arance, piuttosto che “impiastricciarsi” il viso con creme costose e che, il più delle volte, non servono proprio a nulla.
Un apporto ottimale di vitamina C prevede che per gli adulti si introducano con l’alimentazione almeno 110 mg di questa vitamina, valore che ovviamente diminuisce nei bambini e che si innalza invece nelle persone anziane e nelle donne incinta.
Se l’apporto della vitamina C è insufficiente si può andare incontro a diversi disturbi che si possono riassumere in stanchezza, spossatezza, e sonnolenza.
La vitamina C come si diceva si trova naturalmente in natura, soprattutto nella frutta ma anche nelle verdure come cavolo, peperone,broccoli, crescione…
Recenti studi hanno dimostrato che la vitamina C può aiutare a proteggere dai tumori e quindi, viste le diverse proprietà di questa vitamina, facilmente reperibile in natura, conviene assumerne le giuste quantità no!?
E nel caso in cui non si riesca con i cibi, si può, dopo aver consultato il proprio medico curante, assumerne le giuste dosi con degli integratori.
Se ne trovano ormai dappertutto: al supermercato, in erboristeria e naturalmente anche in farmacia.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Vitamina C non solo in inverno: quali sono i suoi benefici?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento