Come vanno conservate le pelliccie?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 17:31:38 19-02-2011

Come devono essere conservate le pellicce? Il primo passo da compiere consiste, ovviamente, nella loro pulizia. Si tratta di un procedimento che richiedere molto poco tempo e piuttosto facile. Andiamo, dunque, a spazzolare la pelliccia e batterla in maniera adeguata. Se poi vogliamo anche lucidarla, non bisognerà fare altro che sfregarla con della flanella bagnata con del petrolio. Ricordiamo ovviamente che tutte le operazioni devono essere eseguite seguendo la direzione del pelo. Nel caso in cui abbiamo a che fare con una pelliccia di ermellino, essere deve essere sfregata con un batuffolo di bambagia precedentemente inumidita con della benzina e successivamente con bianco di Spagna. In presenza di una pelliccia di visone, essa deve essere sgrassata con benzina, e quindi sfregata con sabbia calda finissima. Infine, deve essere sbattuta e spazzolata in maniera accurata. Ancora, una pelliccia di pecora, capra o agnello deve essere pulita sfregandola con crusca fine e magnesia in polvere. Per rimuovere il pulviscolo sarà sufficiente scuoterla e sbatterla. Per quanto riguarda le pellicce di ciniglia, poi, esse devono essere sfregate col talco secco, che elimina ogni traccia di grasso. Chiaramente tutte queste operazioni devono essere eseguite rimanendo lontani da fonti di calore. Una volta pulita la pelliccia, si può pensare a conservarla. È importante ricordare che essa non deve essere riposta subito dopo che è stata smessa, ma deve rimanere appesa a una gruccia per un giorno, all’aria aperta. Quindi sarà opportuno vuotare completamente le tasche e controllare che bottoni e fodere siano in buono stato. È opportuno ricordare che le pellicce devono essere conservate in un reparto riservato del mobile, a tenuta perfetta, che generalmente è completamente zincato, perlomeno nell’arredamento ideale. Esse devono essere posizionate in sacchi di stoffa e non di plastica: la plastica, infatti, rischia di andare a rovinare il pelo. Meglio dunque la stoffa, preferibilmente se scura. La luce, infatti, potrebbe causare un ingiallimento del capo, specie se è costituito da pelo chiaro. In ogni caso ricordiamo che la pelliccia rappresenta un indumento molto costoso e prezioso, che se conservato nella giusta maniera può essere utilizzato per molti anni. Il principale nemico della pelliccia è costituito dal calco umido: ecco perché essa deve essere conservata nella stanza più secca e fresca della propria abitazione. L’armadio deve essere areato, e per quanto possibile vuoto, così che possa circolare l’aria. Essa deve essere appesa su una gruccia, allacciando solo il primo bottone in alto, ed evitando di schiacciarla tra altri vestiti. Una volta ogni due anni sarebbe bene affidarsi a un intervento di pulizia professionale. Nel caso in cui la pelliccia si bagni per la pioggia o la neve, infine, è bene lasciarla asciugare in maniera naturale tenendola lontana da fonti di calore: una volta asciutta, eventualmente, sarà possibile spazzolare il pelo con una spazzola. Lasciamo respirare le pellicce, per evitare la formazione di muffe o l’insorgere di altri danni.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Come vanno conservate le pelliccie?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: portare la pelliccia in lavanderia una volta all'anno , tenerlo in un ambiente ben ariato

Giudizio negativo Svantaggi: la luce potrebbe riportare dei danni sul colore della pelliccia

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: abbigliamento mantenimento pelliccia

Categoria: Ambiente Varie

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Come vanno conservate le pelliccie?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento