Come trascorrere in italiano la vigilia di Natale?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 16:28:21 22-12-2010

Il Natale è una delle feste più belle dell’anno.
Adoro questa festa perché ha tutto un “contorno” davvero speciale.
Si inizia almeno un mese prima con la preparazione di diverse cose.
In Italia sono tante le tradizioni a cui, chi più chi meno, è legato.
Credo che in nessuna famiglia manchi o il classico albero di natale addobbato con luci, festoni colorati e palline sgargianti, o il presepe.
Già queste due cose rendono il Natale una festa speciale secondo me.
Poi non dobbiamo scordarci che i festeggiamenti del Natale iniziano giusto il giorno prima: i festeggiamenti quelli veri e propri eh!?
Il giorno della vigilia va festeggiato a regola d’arte e forse qualcuno fa la cose più in grande proprio la vigilia di Natale che non il giorno di Natale.
Nel pomeriggio molti sono soliti recarsi nelle strade del paese o della città per assistere allo “spettacolo” degli zampognari.
Purtroppo questa tradizione non c’è in tutta Italia ma ultimamente si sta estendendo a macchia d’olio.
Gli zampognari sono personaggi che indossano i costumi tipici dei pastori dell’Abruzzo che passano di strada in strada suonando i classici canti natalizi.
Un classico nella nostra tradizione per il giorno della vigilia è il cenone che di regola si conclude intorno a mezzanotte per potersi poi recare in chiesa ed assistere alla santa messa di mezzanotte.
Questo è uno dei modi più classici per trascorre in Italia la vigilia di Natale.
Il cenone della vigilia, come tradizione comanda, è a base di pesce.
Una volta era un cibo povero ma oggi è parecchio diverso.
Organizzare il cenone della vigilia tutto a base di pesce comporta una spesa non indifferente.
Si parte naturalmente dagli antipasti, per poi passare ai primi e ai secondi sempre a base di pesce.
Il cenone della vigilia a cui credo partecipino tutti gli italiani anche se con menù diversi e tradizioni differenti segna l’inizio dei festeggiamenti di questo periodo davvero magico.
Il dolce, che non deve mancare sulla tavola delle vigilia di natale è un altro punto fermo dei festeggiamenti di questo giorno.
Li conoscete i tortellini dolci?
Si tratta di una ricetta tipicamente reggiana e sono qualcosa di veramente speciale.
Questi tortellini hanno un ripieno molto ricco a base di marmellata di gusti vari, noci, mandorle, uvetta e molto altro ancora e si mangiabo proprio la sera della vigilia.
Oltre ai tortellini non mancano pandori e panettoni.
Un’ altra cosa che non deve mancare la sera della vigilia in una casa italiana e che fa parte delle tradizioni di come un italiano trascorre questa giornata è la presenza sulla tavola della zucca.
Si dice che sia di buon auspicio mangiarne un pò proprio il giorno della vigilia.
Da ultimo ma certo non per importanza ma in ordine di tempo… non è una vigilia di Natale per noi italiani se non si aspetta e si prepara l’arrivo di Babbo Natale.
Se si hanno bambini in casa la sera della vigilia si prepara qualcosa per Babbo Natale: qualche cosa da mangiare e da bere per rifocillarsi tra una casa e l’altra nel lungo viaggio che lo porterà in giro per tutto il mondo a consegnare i regali!

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come trascorrere in italiano la vigilia di Natale?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento