Come si raccolgono le olive e si produce olio?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 11:09:18 28-12-2010

La coltura dell’olivo è tipica di tutto il bacino del Mediterraneo, in Italia poi, in particolare, è una coltivazione importantissima per l’economia e l’alimentazione.

RACCOLTA DELLE OLIVE

Le olive raggiungono la maturità quando presentano l’epicarpo di colore nero violaceo e la polpa di colore rosso-vinoso.
La raccolta inizia tra il mese di ottobre e quello di dicembre e prosegue, a seconda dell’ambiente e della varietà, fino ad inverno inoltrato.
Per raccogliere le olive si possono usare vari metodi:

1) “Brucatura”: le olive si staccano con la mano aiutandosi con scale ed uncini per poter raggiungere i rami più alti. E’ probabilmente il metodo più razionale perchè permette di cogliere il prodotto quando è maturo senza procurargli danni.
2) “Scuotitura”: I rami vengono scossi provocando il distacco delle olive che cadono su un telone steso a terra. Impedisce in parte la brucatura delle olive.
3)”Raccattatura”: Consiste nella raccolta delle olive cadute per terra, è il sistema peggiore perchè le olive cadendo per terra si ammaccano e producono un olio di pessima qualità.
4) “Bacchiatura”: La caduta delle olive viene provocata battendo i rami con grosse pertiche. Anche questo metodo è sconsigliato perchè le olive si danneggiano e producono un olio mediocre, inoltre si danneggiano anche i rami della pianta.

ESPERIENZE PERSONALI: Nle territorio in cui abito vi sono numerosissime e ampie porzioni di territorio adibite alla coltivazione dell’olivo, spesso non si tratta di colture specializzate ma di piante coltivate per soddisfare le esigenze del consumo familiare.
Tra le specie di olivo coltivate vi è anche l’ “Ascolana tenera” che viene utilizzata come oliva da tavola e per la preparazione delle “olive all’ascolana”, specialità gastronomica della zona.

Il terreno nel quale è stato effettuata la raccolta è adibito in parte a coltivazioni orticole , vi sono piantate in ordine sparso una ventina di piante di olivo e il consumo delle olive è ad esclusivo uso familiare.
Durante il periodo della raccolta effettuata nel mese di ottobre ci si serve dell’aiuto di qualche amico e parente.

La raccolta vien fatta completamente a mano, significa che in un’ora di lavoro si riescono a cogliere non più di 10 Kg di olive.
Sotto le chiome delle piante disponiamo delle reti di plastica, l’unico attrezzo che viene utilizzato è una specie di pettine ricurvo con il quale dolcemente si agevola la caduta delle olive.

LA PRODUZIONE DELL’OLIO

Le olive raccolte vengono portate in un frantoio oleario meccanizzato che provvede alla produzione, per quanto riguarda l’esperienza raccontata, il frantoio lavora molte olive di produzione privata.

La sequenza del ciclo prevede:

L’immissione delle olive in un grande imbuto da qui vengono trasportate attraverso delle vasche mobili all’interno di un macchinario che toglie le foglie e pulisce le olive, successivamente le olive vengono trasportate sotto la pressa, l’amalgama di olive che si forma viene immessa in una macchina centrifugatrice che separa l’olio dall’acqua.
Un ulteriore passaggio in un separatore prevede l’eliminazione di eventuali residui.

*Conferendo le olive di propria produzione il costo per usufruire del frantoio varia da zona in zona, dalle mie parti ha un costo di circa 17 euro al quintale (di olive) . L’olio finito di ottima fattura costa circa 8 euro al litro.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come si raccolgono le olive e si produce olio?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento