Come si può estrarre l’acqua dall’aria?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 13:51:17 26-10-2011

Molto spesso non ci rendiamo conto di quanto l’acqua sia un bene fondamentale ed essenziale per ogni persona. Nella vita di tutti i giorni siamo abituati ad aprire un semplice rubinetto e vediamo sgorgare acqua in quantità. Ma ci sono paesi in cui avere l’acqua è un vero e proprio lusso e con il riscaldamento globale e la popolazione mondiale in costante aumento, il problema è destinato ad aumentare.
Per questo negli ultimi anni, moltissime aziende e istituti di ricerca, si sono dedicati a realizzare impianti e macchinari che permettono di ricavare l’acqua direttamente dall’aria, infatti, a seconda delle condizioni di umidità e di temperatura, l’aria contiene sempre una certa dose di acqua.
I due processi principali che permettono di effettuare questa operazione sono la condensazione per raffreddamento, cioè quando l’aria presente nell’atmosfera viene raffreddata attraverso il contatto con un oggetto più freddo, provocando così la condensazione del vapore acqueo; e l’essiccazione dell’umidità in cui vengono utilizzate sostanze liquide o solide per rimuovere l’acqua dall’aria.

Due ricercatori israeliani hanno inventato un sistema, denominato WatAir, formato da un sistema di teli posizionati in maniera tale da formare una sorta di piramide rovesciata. L’umidità depositata sui teli, scivolerà verso il basso e potrà essere raccolta in contenitori sterili.

Alcuni ricercatori tedeschi del Fraunhofer Institute hanno sviluppato un altro tipo di metodo, l’umidità dell’acqua viene assorbita da una soluzione salina igroscopica e trasportata in una cisterna in cui sono presenti dei collettori termici e dei pannelli solari che riscaldano il liquido, trasformando l’acqua assorbita dall’aria in vapore acqueo. L’acqua viene fatto poi scivolare attraverso un tubo e raccolta in dei serbatoi.

Una società chiamata EWA (Extraction of Water from Air) utilizza, invece, dopo aver assorbito l’umidità dall’aria, un essiccante solido composto da granuli di gel, in grado di catturare l’acqua e infine un condensatore a risparmio energetico, che permette di ridurre il costo della produzione di acqua.

Un altro sistema progettato dalla Dutch Rainmaker, che ha sede nei Paesi Bassi, permette di estrarre il vapore acqueo sfruttando l’energia eolica, in questa maniera non si necessita assolutamente di elettricità; la turbina eolica, infatti, attiva una pompa termica che raffredda, come gli impianti di condizionamento, e condensa l’acqua. In questa maniera è possibile creare energia sostenibile e ridurre l’impatto ambientale di produzione dell’acqua.

L’Aqua Sciences ha sviluppato invece, per il dipartimento della Difesa del Pentagono (Darpa), un’apparecchiatura dal nome Emergency Water Station, composta da un container, contenente dei macchinari elettrici, che produce più di 4.500 litri di acqua al giorno sfruttando l’aria, tutto questo completamente a impatto zero. Questo progetto è stato studiato appositamente per rifornire d’acqua potabile le truppe americane che si trovano in Iraq e per rendere meno ingombrante il loro equipaggiamento logistico.
La direttrice esecutiva della società non ha rivelato però come questa tecnologia funzioni esattamente, ha reso solo noto che viene utilizzato del sale naturale per estrarre l’acqua.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Come si può estrarre l’acqua dall’aria?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: oggi giorno ci sono diverse tecnoogie , l' EWA utilizza l'assorbito dell' umidità dall’aria

Giudizio negativo Svantaggi: nessun svantaggio

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: acqua aria

Categoria: Varie

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Come si può estrarre l’acqua dall’aria?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento