Come si origina un asteroide?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 17:05:32 14-02-2011

In questi ultimi tempi si sente spesso parlare di asteroidi grazie anche alle recenti scoperte. Solo qualche mese fa infatti è la notizia del ritrovamento di ghiaccio sull’asteroide 24 Themis, tra i più grandi del sistema solare. Gli asteroidi sono solitamente relativamente piccoli e per questo motivo vengono chiamati anche con il nome di “pianetini”. Il primo a parlare di asteroide – o meglio di “pianetini” come amava definirli lui stesso – fu l’astronomo Giuseppe Piazzi, direttore dell’Osservatorio Astronomico di Palermo che casualmente, il 1° gennaio 1801, scoprì Cerere con i suoi oltre 900 km di diametro. A questa scoperta poi ne seguirono tante altre: si raggiunse così quota 300 asteroidi alla fine del XIX secolo.
Allora si riteneva che Cerere era un frammento di un pianeta esploso moti secoli prima, che si doveva trovare fra le orbite di Giove e Marte. Questo perché si credeva che i pianeti orbitassero attorno al Sole, e da questo mantenessero una distanza progressiva. In pratica si pensava che l’asteroide fosse stato generato proprio dalla distruzione di un grande pianeta che sarebbe entrato in collisione con un altro corpo planetario, tant’è che anche le meteoriti, un po’ più piccole rispetto agli asteroidi, si pensava avessero avuto origine anche da quella collisione. In realtà i cosiddetti asteroidi “Troiani”, che sono quelli che orbitano attorno al Sole, mantenendo una stessa distanza da Giove di circa 60 gradi, sono da considerarsi frammenti di un corpo di dimensione maggiore che sicuramente si sarà distrutto in collisione con altri corpi.
Infatti gli asteroidi si muovono ad alte velocità, se si pensa che questa si aggira sui 180.000 km/h, intersecando tra loro le orbite e spesso entrano in contatto, disgregandosi.
Secondo però studi più recenti si è visto che mettendo insieme tutti gli asteroidi sin qui scoperti, non si arriverebbe a comporre nemmeno la superficie di Plutone o della Luna, quindi è poco probabile che essi derivano dalla collisione di un pianeta con un altro corpo planetario e questa tesi è rafforzata anche dal fatto che, prendendo in esame i frammenti di asteroidi giunti sulla Terra, si è visto che il materiale di cui sono fatti non evidenzia nessun tipo di caratteristica tipica di un pianeta. Per cui si ritiene che gli asteroidi siano più i frammenti di un pianeta che ha avuto difficoltà a costituirsi tra Marte e Giove a causa di planetesimi che altro. Difatti Giove provoca un disturbo gravitazionale alle orbite degli asteroidi, impedendo loro di aggregarsi per costituire un nuovo pianeta roccioso oltre l’orbita di Marte.
Al giorno d’oggi gli asteroidi noti ed archiviati sono almeno 5 mila, di cui la maggior parte ruota appunto attorno al Sole formando un grande anello fra le orbite di Giove e Marte. Alcuni sono composti di rocce basaltiche, altri di metalli, carbonio e, come abbiamo visto in precedenza anche di ghiaccio. Tra i più importanti vi sono gli asteroidi di tipo C, che sono quelli più numerosi e composti prevalentemente di carbonio.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come si origina un asteroide?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento