Come si contesta una multa?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 9:59:57 06-07-2017

Essere soggetti a contravvenzioni durante la guida a causa di cellulari, cinture di sicurezza oppure banali distrazioni, è una cosa che può capitare a tutti. Tuttavia vi sono casi in cui si ricevono presso il proprio domicilio le multe ingiuste, poiché la causa non dipende dalla distrazione della persona alla guida, quanto da disservizi e disorganizzazione degli enti.

Solitamente in questi casi la prima cosa che si tende a fare è pagare in modo immediato la contravvenzione, per ricevere uno sconto del 30% sull’importo totale da versare (per fare ciò le tempistiche di pagamento non dovrebbero superare i 5 giorni), ma in questo modo però non si fa altro che attribuirsi colpe non proprie, facendo sembrare che effettivamente la multa sia stata fatta per ragioni valide.

Spesso non si ricorre a ricorsi o per disinformazione o perché considerati troppo impegnativi, ma non è così, in quanto per ricevere l’annullamento della multa è necessario solamente scrivere al Prefetto, considerando che la quota del ricorso è completamente gratuita ma deve essere richiesta entro 60 giorni dalla sua ricezione. In alternativa si può optare per una richiesta al giudice di pace, ma in questo caso è invece a pagamento e deve essere richiesto entro 1 mese dalla ricezione della multa.

Ovviamente non è sempre possibile chiedere ricorso, bisogna rientrare in casi specifici che sarebbe bene conoscere per evitare di pagare multe inadeguate. Tra le più rilevanti vi sono quelle legate al ritardo nell’arrivo della multa o mancanza di informazioni al riguardo, errata o assente segnalazione di autovelox e sosta non pagata all’interno di parcheggi a pagamento.

La ricezione della multa non dovrebbe mai arrivare oltre una tempistica di 90 giorni dopo l’infrazione stessa. Inoltre dovrebbero essere sempre presenti indicazioni fondamentali su luogo, data e ora della violazione, accompagnata da numero di targa e esecutore del controllo. Nel caso in cui ciò non avvenisse è possibile effettuare una richiesta di ricorso.

La presenza dell’autovelox deve essere sempre segnalata precedentemente con dei cartelli visibili e corretti. L’autovelox infatti dovrebbe trovarsi nel punto esatto indicato dalla segnalazione e se così non fosse è indicato segnalarlo a chi di competenza. Ovviamente bisogna esserne sicuri, poiché potrebbe anche esserci stato un semplice errore di distrazione durante la guida.

La sosta all’interno delle strisce a pagamento è una situazione tipica dei grandi centri urbani, che spesso possiedono anche parchimetri guasti oppure che non accettano carte di credito. La richiesta di annullamento della multa può essere eseguita a condizione che non vi fossero parcheggi non a pagamento nelle vicinanze oppure parchimetri funzionanti poco distanti.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Come si contesta una multa?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Possibilità di contestare una multa per ragioni valide , Evitare di dover pagare una multa ingiusta

Giudizio negativo Svantaggi: Non è sempre possibile chiedere ricorso

Giudizio Generale: 0.0

 

Categoria: Auto e trasporti

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Come si contesta una multa?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento