Come scegliere un buon vino a tavola?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 16:25:37 04-11-2011

Non c’è niente di più bello che sedersi di fronte ad una tavola imbandita, colma di ogni tipo di pietanza e gustarsi il piatto, magari accompagnato da un buon bicchiere di vino. Ma sappiamo abbinare questa bevanda alcolica, conosciuta come “l’ elisir di lunga vita”, alle diverse ricette?
Secondo molti è considerato una cosa di poco conto, ma saper abbinare ai vari piatti, un ottimo vino significa sapersi gustare appieno ciò che si mangia; per esempio se ci trovassimo di fronte, un piatto tipico di una determinata regione, è bene abbinarlo ad uno dei vini della stessa zona per creare una simbiosi di profumi e sapori.
Ma prima di capire come dovremo abbinarli, cerchiamo di conoscere meglio le qualità di ciascun tipo di vino;

- I rossi sono considerati nel gusto i più complessi, corposi e robusti
- I rosati dal gusto delicato, profumato e fresco
- I bianchi dal gusto leggero e piacevole
- I passiti dal gusto principalmente dolce.

Di fronte ad un piatto altamente complesso, che ha bisogno di una preparazione elaborata per via della quantità e preziosità degli ingredienti, va abbinato un vino altrettanto complesso che sovrasti le qualità della pietanza e la esalti; nel caso in cui l’ ingrediente principale fosse la carne rossa, selvaggina o brasato, il vino giusto da abbinare è, sicuramente, il rosso che contrasti il sapore tendenzialmente forte di questo tipo di carni. Adatto anche nei periodi freddi per riscaldarci dall’ inverno, grazie al suo gusto forte e caldo.
Mentre con l’ arrivo dell’ estate le pietanze consumate durante i pasti diventano più leggere, più fresche come la verdura, la frutta, il pesce e le insalate, nei bicchieri si versa più volentieri il vino bianco grazie alle sue caratteristiche e al suo gusto leggero e gradevole.
I vini rosati offrono un incredibile versatilità, in quanto sono adatti in tutti quei casi in cui né il vino bianco né il vino rosso si sposano con certi tipi di pietanza.
Grazie alla loro morbidezza e alla loro apprezzabile acidità, consentono di realizzare eccellenti abbinamenti con tutti i tipi di pasta, meglio se condita con la salsa di pomodoro, ma anche con la pasta ripiena al forno e altrettanto con la pizza.
Per quanto riguarda i sapori dolci di alcune pietanze, come i dessert o le prelibatezze della pasticceria, non esistono vini secchi capaci di bilanciare il gusto, per questo non c’è altro modo che assecondare il gusto zuccherino del piatto abbinandoci un vino altrettanto dolce e cosa c’è di meglio di un ottimo vino passito?
Questo magnifico elisir di lunga vita, che oltre a rendere più piacevoli i nostri pasti, è oltremodo un ottimo alleato contro le malattie cardiovascolari, è una delle bevande più amate, prodotte e diffuse nel nostro paese. Nonostante questo non a tutti riesce facile la scelta del vino più adatto alle diverse situazioni, ma in realtà tutti noi possiamo imparare a riconoscerne le qualità e le caratteristiche basilari, in modo da poter apprezzare ancora di più questa deliziosa bevanda dalla storia antica.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Come scegliere un buon vino a tavola?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: saper abbinare ai vari piatti, un ottimo vino significa sapersi gustare appieno ciò che si mangia , di fronte ad un piatto altamente complesso, che ha bisogno di una preparazione elaborata per via della quantità e preziosità degli ingredienti, va abbinato un vino altrettanto complesso

Giudizio negativo Svantaggi: nessun svantaggio

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: bere mangiare vino

Categoria: Mangiare e bere

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Come scegliere un buon vino a tavola?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento