Quanto spazio occupa un impianto solare termico ad uso domestico?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 17:28:43 15-06-2011

Il pannelli solari termici, detti anche collettori solari, servono per riscaldare l’acqua che si utilizza in casa per i sanitari.
I modelli in commercio si dividono in tre tipi diversi, pannelli solari vetrati, pannelli solari sottovuoto e pannelli solari scoperti.
I pannelli solari vetrati sono composti da un serbatoio per accumulare l’acqua e dal pannello stesso. Il vetro serve per proteggere il radiatore interno. Per ottenere il massimo rendimento da questo tipo di pannello bisogna istallare il serbatoio di accumulo dell’acqua più vicino possibile al pannello solare, quindi sul tetto dell’edificio, facendo prima controllare che il tetto possa reggere il peso dell’impianto, che si aggira sui 200 chilogrammi su una superficie di un metro quadro.
I pannelli solari sottovuoto hanno dei rendimenti superiori a quelli vetrati. I tubi di vetro sottovuoto di cui sono composti, garantiscono delle prestazioni elevate anche in condizioni di clima molto rigido, per contro hanno dei costi maggiori rispetto ai pannelli vetrati.
Per quanto riguarda i pannelli solari scoperti, sono quelli più economici ma non avendo alcun sistema che ne impedisca la dispersione del calore, lavorano solo a temperatura ambiente, in effetti sono utilizzabili solo in estate quindi non validi per uso domestico.
Il prezzo per un impianto solare termico vetrato, con un accumulo d’acqua di 120 litri e una superficie di un metro quadro, sufficiente al fabbisogno di due persone, é di 1000 euro compreso d’istallazione che sale di circa il 40% per il tipo sottovuoto, prezzi che possono diminuire notevolmente sfruttando i contributi regionali o statali, verificando la disponibilità di agevolazioni e finanziamenti direttamente all’ufficio territoriale.
I vantaggi dei pannelli solari termici consistono in un notevole risparmio di energia elettrica, nel caso si usi uno scaldabagno elettrico per riscaldare l’acqua, o di gas se si usa una caldaia.
La spesa da sostenere per l’istallazione viene ammortizzata nel giro di due anni. I pannelli hanno una durata di circa 25 anni e necessitano di una bassissima manutenzione salvo in caso di calamità naturali che possano danneggiarli.
L’unico svantaggio é che i pannelli solari non possono riscaldare l’acqua di notte e in caso di cielo molto nuvoloso, quindi in assenza di luce si potrà utilizzare solo l’acqua precedentemente riscaldata. Una volta esaurita bisognerà aspettare il giorno successivo per poterne produrre dell’altra. Il tempo necessario che impiegano i pannelli a riscaldare l’acqua é di circa dieci ore, tempo che può diminuire notevolmente, in caso di stagione estiva, o aumentare nel caso di giornate nuvolose e clima molto rigido.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Quanto spazio occupa un impianto solare termico ad uso domestico?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: notevole risparmio di energia elettrica , la spesa da sostenere per l'istallazione viene ammortizzata nel giro di due anni

Giudizio negativo Svantaggi: i pannelli solari non possono riscaldare l'acqua di notte

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: ambiente energia impianto solare termico

Categoria: Ambiente

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Quanto spazio occupa un impianto solare termico ad uso domestico?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento