Quando occorre sostituire la caldaia?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 9:11:09 05-01-2011

La sostituzione di una caldaia avviene di solito quando il ciclo di vita della vecchia caldaia volge al termine, quando si vogliono ottenere dei minori consumi e una maggiore efficenza energetica e quando si deve rientrare entro i termini di rendimento minimo previsti dalla normativa vigente.
Rispetto a circa una decina di anni fa, oggi esistono due tipi di caldaia: caldaie tradizionali a tenuta stagna e caldaie a condensazione, entrambe comunque garantiscono delle ottime prestazioni in termini di rendimento ed efficenza.
Anche per quanto riguarda i prezzi bisogna districarsi tra modelli che presentano sensibili differenze di prezzo e non sempre a prezzi elevati corrispondono migliori prestazioni, si va da modelli che costano 700 euro a modelli che possono costare anche oltre 2500 euro.
La scelta quindi oltre che a ragioni di carattere economico, deve tenere in considerazione il luogo in cui deve essere installata la caldaia, l’installazione all’esterno in un balcone comporta necessariamente la scelta di una caldaia murale dotata di un alto livello di isolamento.
Rispetto alle caldaie a tenuta stagna, quelle a condensazione offrono maggiori livelli di efficenza energetica in quanto recuperano il calore del vapore acqueo che andrebbe perso nei fumi di scarico.

Un ottimo modello che risponde a requisiti descritti è la caldaia BERETTA METEO GREEN R.S.I BOX , si tratta di una caldaia a condensazione di ultima generazione specificatamente concepita per essere installata all’esterno e dotata di un isolamento speciale che preserva la caldaia dai danni che possono essere causati dalle rigide temperature invernali.
Non è infrequente che per risparmiare sui costi, si montino delle caldaie per interni all’esterno, in questo caso anche se viene predisposto un gabbiotto metallico , le temperature rigide invernali possono danneggiare irrimediabilmente le componenti meccaniche ed elettroniche della caldaia vanificando il risparmio iniziale.
Ammesso che l’abitazione abbia già le griglie di areazione e che non si debbano effettuare ulteriori interventi oltre a quelli termoidraulici , il costo per installare la caldaia può comportare una spesa che va dai 300 ai 500 euro a cui vanno aggiunti euro 1550,00 relativi al costo della caldaia stessa.

QUANDO OCCORRE SOSTITUIRE LA CALDAIA

A prescindere comunque dal modello che si deciderà di scegliere, possiamo individuare cinque validi motivi per procedere alla sostituzione della caldaia:

1) Quando gli interventi per riparare la vecchia caldaia diventano frequenti e superano un costo annuo di euro 100,00;

2) Per migliorare l’efficenza energetica e abbattere i consumi fino al 50% rispetto alla vecchia caldaia.

3) Per usufruire dei vantaggi fiscali dovuti all’installazione di impianti per il risparmio energetico;

4) Per risparmiare sui costi di manitenzione futuri;

5) Per adeguarsi alla normativa in materia di sicurezza.

PREZZO: Costo della caldaia (dipende dal modello) a cui bisogna aggiungere le spese di installazione.

SVANTAGGI: Le caldaie a condensazione sono indicate nel caso in cui si abbia un riscaldmento a pavimento, le caldaie a condensazione richiedono maggiori costi di manutenzione essendo le rotture più frequenti rispetto a quelle a tenuta stagna.

VANTAGGI: Efficenza dei consumi, maggiore sicurezza, costi di manutenzione inferiori.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Quando occorre sostituire la caldaia?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento