Quando necessario sostituire i filtri del condizionatore?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 8:18:49 15-12-2010

È fondamentale che un condizionatore sia sottoposto costantemente a manutenzione: essa è indispensabile non solo per il corretto funzionamento del condizionatore stesso, ma anche, se non soprattutto, per la salute di chi usufruisce di esso.
Eseguire una corretta manutenzione del condizionatore vuole dire essenzialmente pulire, ed eventualmente sostituire, i filtri. Tutti i condizionati, siano essi portatili o fissi, sono, infatti, dotati di filtri che hanno il compito di impedire che vengano diffusi pollini e, in generale, polveri fini. Ma come dev’essere messa in pratica la manutenzione del condizionatore? Come, cioè, devono essere puliti i suoi filtri? In quali occasioni essi devono essere sostituiti? Per quanto riguarda la pulizia, essa può essere messa in pratica molto semplicemente, utilizzando acqua oppure anche un aspirapolvere: ovviamente, prima dovremo staccarli dal condizionatore, o comunque, dall’unità fissa che si trova al suo interno. È assolutamente sconsigliato fare ricorso ad agenti chimici come, per esempio, diluenti o solventi: essi potrebbero arrecare danni ai filtri, o all’intero apparecchio. Con quale frequenza bisogna eseguire l’operazione di pulizia? Premesso che sul libretto di istruzioni di ogni apparecchio viene indicato ogni quanto tempo è necessario pulire i filtri, il nostro consiglio è di farlo più spesso di quanto viene riportato sul libretto: male non farà. Inoltre, bisogna procedere alla pulizia ogni volta che utilizziamo il condizionatore dopo averlo lasciato spento per lunghi periodi di tempo. Prendete nota in maniera speciale di quest’ultimo suggerimento, poiché durante i periodi di fermo potrebbero essersi annidati pollini, microbi o acari potenzialmente molto dannosi per la salute. Insomma, è necessario adoperare la massima attenzione nella pulizia dei filtri, poiché se essi sono intasati rischiano di rallentare la circolazione dell’aria. A pagare saranno sia i nostri polmoni che le nostre orecchie, a causa di un evidente incremento della rumorosità dell’apparecchio.
Detto, dunque, dell’importanza delle pulizie, quand’è che un filtro deve essere sostituito completamente? Si tratta di un compito non così frequente, è bene precisarlo. Esistono due tipi di filtri per quanto riguarda i condizionatori: uno è di retina plastica, e la sua funzione è quella di non lasciar passare la polvere; l’altro è ai carboni attivi, e deve filtrare l’aria impedendo il passaggio dei batteri. Mentre per quanto riguarda il primo sono sufficienti le tecniche di pulizia di cui abbiamo parlato (aspirapolvere, oppure acqua, o magari uno sgrassatore e poi acqua per sciacquare), per il secondo è consigliabile sostituirlo periodicamente (costa pochi euro): una volta che sono saturati, infatti, i carboni non sono più in grado di svolgere la loro funzione di filtraggio. La sostituzione dei filtri, quindi, deve essere valutata caso per caso, e dipende anche dall’impiego e dalla frequenza con cui il condizionatore viene usato. Diciamo allora che sarete voi i primi ad accorgervi della necessità di sostituirli, quando l’aria che respirerete vi apparirà irritante. Se pensate di non essere in grado di svolgere questa operazione, non esitate a chiamare un tecnico: ne potrete approfittare per affidargli una verifica dell’intero impianto ed individuare eventuali problemi.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Quando necessario sostituire i filtri del condizionatore?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento