Quando le piccole imprese dovrebbero assumere un professionista ?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 22:49:23 07-12-2010

la risorsa umana rappresenta per le piccole imprese la componente piu’ importante e vitale del loro capitale. Infatti, valutare il fabbisogno che si ha del capitale umano, sia in termini di qualita’ che in quantita’ e’ il passo piu’ difficile per i dirigenti delle piccole imprese, che devono valutare attentamente se investire o no in professionisti. Per professionisti si intende personale altamente qualificato, sicuramente laureato in materie tecnico-economiche e giuridiche’, che se e’ vero, che sapra’ dare all’azienda una consulenza a trecentosessanta gradi, andra’ anche ad incrementare il costo del personale in maniera rilevante. Prima di assumere un professionista, quindi, occorre fare un bilancio dei propri bisogni a livello
tecnico. Dobbiamo chiederci esattamente di cosa abbiamo bisogno?
Cero avere un esperto on line all’interno dell’azienda puo’ essere utilissimo, soprattutto se si tratta di un legale o di un commercialista. Immaginiamoci per esempio cosa significhi trovarsi di fronte alla stipula di un nuovo ordine, magari all’estero, e non essere a conoscenza delle principali norme di diritto internazionale. Oppure redigere un bilancio o affrontare una controversia con l’agenzia delle entrate, senza avere competenze in maniera amministrativa. Alcuni professionisti, possono aiutare le aziende in diversi campi, ad esempio quello dei rapporti con gli istituti finanziari, la ricerca di fondi d’investimento e l’ottenimento di contributi regionali e comunitari.
Avere all’interno un consulente, che conosce cosi’ bene l’impresa, quanto l’imprenditore, puo’ essere di aiuto manageriale e puo’ far risparmiare all’impresa tanti soldi ed evitare tanti danni sia a livello giuridico che tecnico. Naturalmente, data la delicatezza del ruolo che il professionista dovra’ assumere all’interno dell’azienda, sarebbe conveniente per l’impresa affidarsi a societa’ di ricerca lavoro, altamente specializzate in questo settore.
Conviene fare anche una piccola indagine fai da te sul web, controllando se il professionista e’ iscritto all’albo di categoria di appartenenza. Occorre, infatti fare molta attenzione, in quanto sono molti i ciarlatani a vendere fumo, sul mercato del lavoro. Una volta individuata la persona
giusta si procedera’ ad un colloqui interno, dove si prefisseranno gli accordi di tipo economico e di orario. Conviene puntare per il professionista ad una retribuzione maggiore, spuntando pero’ di ottenere che il professionista sia il primo ad arrivare e l’ultimo ad uscire. Dico questo perche’ molto spesso i professionisti con orari flessibili tendono poi a non garantire una presenza costante.
Anche dal punto di vista tecnico, soprattutto se l’attivita’ e’ di tipo industriale, ci si puo’ avvalere di un professionista laureato, ma soprattutto pratico. Concludo, dicendo che sicuramente, la scelta migliore andra’ a cadere su una persona altamente formata, ma soprattutto con molta esperienza, perche’ sul lavoro si sa la pratica a volte e’ fondamentale quanto la teoria.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Quando le piccole imprese dovrebbero assumere un professionista ?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento