Quali sono i segni precoci dell’autismo?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 22:06:33 06-12-2010

L’autismo è una malattia del comportamento che generalmente interessa i bambini o che comunque è caratterizzata da un manifestarsi in tenera età. Già nei neonati è possibile, con i giusti mezzi, fare una diagnosi precoce di questa malattia e tentare di arginarne i sintomi futuri se non addirittura scongiurarla del tutto. E’ possibile tracciare una sorta di percorso sintomatico di questa malattia per cercare di curarla in tempo, a partire già dalle prime settimane di vita del bambino.
Ecco una lista di azioni e comportamenti d’allarme.
Prime settimane di vita:
- il neonato è rigido o molle quando viene preso in braccio, non reagisce
- nonostante non si riesca a capirne il motivo appare “diverso” dagli altri neonati
- non segue i movimenti attorno a se
- mostra comportamenti di indifferenza o di repulsione alle attenzioni nei suoi propri riguardi
- strabismo o assenza di contatto visivo con gli altri o con l’ambiente circostante, sguardo vitreo
- indifferenza o ipersensibilità a certi particolari suoni o anche più a livello generale
- umore estremamente cupo o capriccioso
- assenza totale delle normali manifestazione di gioia tipico degli altri neonati (agitazione di braccia e gambe, sorrisi, verseggiare)
- è indifferente alla voce della madre, del padre o comunque delle persone a lui continuamente vicine sia a quelle di estranei
- non riesce a dormire, rimane sveglio molto a lungo
- rifiuta il cibo, si mostra disinteressato al biberon o al seno materno, rigurgita spesso
- eventuali piccole anomalie fisiche quasi irrilevanti
Entro i tre mesi di vita:
- non riesce a sorreggere la propria testa
- appare stranamente calmo e tranquillo, quasi apatico
- anomalie nello sguardo
- anomalie nell’espressività del viso, lo si definirebbe “serio” poichè quasi non sorride per nulla
- si mostra indifferente alla voce e alla presenza delle persone
- insonnia, sia con conseguente pianto che con l’assenza di qualunque tipo di reazione
- per contro dorme fin troppo, ipersonnia
- disturbi del comportamento alimentare
Entro i sei mesi di vita:
- eccessivamente irritato o eccessivamente calmo
- ipotonia o ipertonia
- non riesce a stare seduto, si potrebbe dire che sembra una “bambola di pezza”
- non sorride
- non mostra quasi alcuna espressione facciale, come non avesse i normali sentimenti di un infante
- movimenti ripetitivi delle mani o del corpo
- disinteresse per i giocattoli
- disturbi digestivi
- insonnia
Entro il secondo semestre di vita:
- ipotonia
- non riesce a tenersi in piedi normalmente
- se tenuto in braccio cerca di tenersi lontano, si spinge all’indietro
- lo sguardo è talmente vitreo e vuoto che si ha l’impressione che sia cieco, mostra un totale disinteresse per le persone ma molto spesso si focalizza su piccoli dettagli o sulle luci
- non mostra nessun tipo di sentimento di angoscia o tristezza nella separazione dai genitori
Entro il secondo anno di vita:
- non cammina o cammina malamente
- comportamenti insoliti e reiterati, ad esempio fa continue giravolte, cammina in punta di piedi, si dondola a lungo
- linguaggio assente o scorretto
- disinteresse o interesse minimo alle relazioni affettive
- disinteresse nel giocare con gli altri bambini o da solo

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Quali sono i segni precoci dell’autismo?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento