Quali sono le spese da sostenere nell’iter adottivo?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:57:35 16-03-2011

Adottare un bambino è una scelta da compiere in piena consapevolezza e con la preparazione psicologica che l’ iter adottivo potrà durare anche anni e non sempre avere un esito positivo. Oggi sono sempre più le coppie che si rivolgono ai centri per le adozioni, a causa anche della sempre più crescente sterilità che colpisce la popolazione.
L’ adozione però comporta un cammino personale ed una interiorizzazione della situazione pre esistente della coppia che ne fa richiesta, anche perchè, molto spesso, si viene da situazioni già logore di terapie ed illusioni cliniche per avere in modo più o meno naturale un figlio ” di sangue “. Quindi decidere di adottare un bambino è, alla luce di quanto appena detto, un impegno ancora più serio, che non comporta ripensamenti e per essere accettati dalle autorità competenti come coppia idonea, prevede un iter lungo e difficoltoso, soprattutto per quanto riguarda le adozioni all’ estero.
Ma quanto costa adottare un bambino?
Detto così, sembrerebbe meramente una questione di soldi, ma, purtroppo come in ogni cosa, anche qui il danaro ha la sua parte fondamentale.
Per le adozioni di bambini italiani la spesa è minima, anche se molto dipende da regolarmente regionali e simili, ma in genere le spese da sostenere riguardano prettamente spostamenti minimi da città a città d’ Italia, alberghi e simili. E’ però da dire che il più delle volte si predilige scegliere bambini nell’ orfanotrofio o istituto più vicino alla propria residenza: in questo modo anche la conoscenza fra futuro genitore e bambino è agevolata e pertanto anche le autorità possono verificare in modo più rapido lo stato di solidità potenziale ed effettivo della coppia.
La storia però cambia completamente per le adozioni in Paesi stranieri. Innanzitutto è bene sapere che alcuni paesi come quelli dell’ Est, chiedono addirittura notizie sul reddito e su eventuali proprietà immobiliari prima di decidere l’ effettiva idoneità dei soggetti richiedenti. Ad ogni modo le spese da affrontare per un’ adozione all’ estero sono:
1 . spese relative al viaggio per giungere al Paese di destinazione: di solito i viaggi cosiddetti di ” conoscenza ” devono essere almeno 2 e avere la durata prevista dalla legge;
2 . spese per vitto e alloggio: questi non sono mai garantiti, pertanto restano a pieno carico della coppia;
3 . spese per trasporto interno al Paese di destinazione;
4 . eventuali ( ma quasi certe ) spese relative alla burocrazia;
5 . varie ed eventuali ( mance, ecc. )
Ad ogni modo per un’ adozione internazionale si arrivano a spendere anche 30.000 euro, ma la buona notizia è che sono in parte deducibili dalle tasse e/o rimborsabili.
L’ adozione è un gesto nobile e meraviglioso , che ridona speranza ad un bambino che, senza di te, non avrebbe mai avuto la possibilità di conoscere il significato di famiglia.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Quali sono le spese da sostenere nell’iter adottivo?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: L' adozione è un gesto nobile e meraviglioso , ridona speranza ad un bambino

Giudizio negativo Svantaggi: operazione costosa

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: adozione famiglia iter adottivo

Categoria: Famiglia

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Quali sono le spese da sostenere nell’iter adottivo?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento