Quali sono le novità del cud 2011?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 9:44:07 22-02-2011

Entro pochi giorni il cud 2011 sarà nelle mani di tutti coloro che nel corso del 2010 hanno percepito redditi da lavoro dipendente o trattamenti pensionistici.

Il cud contiene tutti i dati riguardanti la retribuzione, contributi versati all’Inps sia da parte del datore di lavoro sia dall’azienda.

Entro il 28 febbraio sarà consegnato dai datori di lavoro a ciascun lavoratore, il modello sarà debitamente firmato.

I pensionati riceveranno il modello direttamente a casa attraverso il servizio postale.

Entrare in possesso del cud 2011 prima possibile è molto importante, è un documento indispensabile per presentare la dichiarazione dei redditi con il modello Unico o presentare il modello 730 presso i Centri Assistenza Fiscale (Caf) e chiedere a rimorso le somme versate in eccedenza a v ario titolo nel 2010.

Il Cud sostanzialmente non varia mai, ogni anno sono apportate piccole modifiche che agli occhi di un lavoratore medio sono irrilevanti o addirittura assenti.

Nella maggior parte dei casi lavoratori e pensionati si recano presso i Caf per presentare la pratica.

Nel Cud 2011 son presenti piccole variazioni, sono presenti campi riguardanti la tassazione del lavoro notturno e straordinario, nuove sezioni dedicate alle agevolazioni fiscali delle persone impiegate nel campo della pubblica sicurezza e difesa.

La variazione più vistosa agli occhi di un esperto di redditi sarà rappresentata dalla sezione che prevede l’applicazione dell’imposta sostitutiva del 10% in sostituzione dell’aliquota irpef, questo riquadro riguarda coloro che negli anni precedenti hanno percepito redditi a tiolo di premi produzione.

Non sempre è facile leggere un modello Cud che diventa sempre più complesso ed è necessario rivolgersi a persone competenti, l’unico aspetto di facile lettura è rappresentato dai grandi numeri, Retribuzioni lorde molto alte che sono assoggettate a tanti tributi, Irpef Inps, Addizionali regionali e comunali.

Un anno intero di lavoro, un reddito lordo di 30.000 euro ed ecco che al netto d’imposte e tasse ci ritroviamo con un reddito netto di 1.200 / 1.300 euro al mese, realizzando un netto pari al 50%.

Nel mese di gennaio l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato un comunicato stampa in cui erano spiegate le variazioni apportate al modello Cud 2011, poche righe per illustrare le variazioni che per milioni d’italiani saranno parole senza senso.

“Tassazione” è questo il termine che gli italiani più temono, il cud rappresenta la fotografia del malessere economico dell’Italia, un riassunto di quanto il 2010 si sia rivelato un anno povero con entrate sempre ridotte.

Non sono sufficienti le variazioni effettuate al Cud che in teoria avrebbero dovuto portare più soldi nelle tasche degli italiani, ma, di fatto, li ha impoveriti ulteriormente.

Le variazioni al modello 2011 sono minime e manifestano come gli interventi messi in atto per migliorare il potere di acquisto si sia rivelato insufficienti.

Cambia il modello ma non cambia il risultato.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Quali sono le novità del cud 2011?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Nella maggior parte dei casi lavoratori e pensionati si recano presso i Caf per presentare la pratica , I pensionati riceveranno il modello direttamente a casa attraverso il servizio postale

Giudizio negativo Svantaggi: Nel Cud 2011 son presenti piccole variazioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: agenzia delle entrate cud 2011 redditi da lavoro

Categoria: Varie

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Quali sono le novità del cud 2011?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento