Quali sono i colori primari?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 17:49:57 14-03-2011

I colori possono essere divisi in primari, secondari terziari e complementari. Alla base però di tutti questi colori vi sono i colori primari. La distinzione ha origini antiche, il riferimento è alla scoperta di Newton che osservando lo spettro solare, individuò e classificò i colori dello stesso ed erano: rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco e violetto. All’interno di questi colori alcuni erano ottenibili mischiando tra loro alcuni colori che appunto sono poi stati definiti primari. Si giunse a questa scoperta notando che nello spettro solare non vi era una netta demarcazione tra i colori che lo componevano, ma vi erano delle sfumature nel passaggio da un colore all’ altro e da ciò si capì che mischiando alcuni colori si potevano ricavare altre sfumature che davano origine ad una vasta gamma di colori. Senza l’ esistenza dei colori primari non potrebbero essere ottenuti i colori secondari, terziari e complementari. A loro volta i colori primari non possono essere creati mischiando altri colori, questo è il motivo per cui i colori si chiamano primari. I colori primari sono tre e sono : giallo, rosso e blu. Mischiando in parti uguali i colori primari si ottengono i secondari e in particolare, mischiando il giallo e il blu si ottiene il verde, mischiando il rosso e il blu si ottiene il viola e mischiando il giallo con il rosso si ottiene l’arancio.
I colori terziari si ottengono mischiando sempre colori primari tra di loro, però occorre utilizzare i colori in parti diverse. Volendo creare un viola tendente al blu, devono essere mischiate due parti di blu e una parte di rosso, per ottenere un arancione tendente al rosso, si mescolano due parti di rosso e una parte di giallo. Per ottenere invece i complementari, si mescolano un primario ed un secondario. Da ciò si capisce che la base per creare i vari colori non può prescindere dai tre colori primari e se si bada bene, sono anche i colori alla base delle comuni stampanti che abbiamo in casa e in ufficio, infatti, è proprio su tale meccanismo che la stampante opera e mischiando i colori riesce a riprodurre le tonalità desiderate. All’ interno dei colori si può effettuare anche un’ altra distinzione basata sulla temperatura degli stessi. Il rosso e il giallo sono colori caldi e dalla loro mescolanza si ottengono colori caldi, ovvero l’arancione, il blu invece è colore freddo, mescolando un colore caldo con uno freddo si ottiene un altro colore freddo, ad esempio, mescolando blu e rosso si ottiene il viola definito colore freddo, mescolando giallo e blu si ottiene il colore verde, anch’ esso classificatro come colore freddo.
Il gioco dei colori è ottimo soprattutto per insegnare ai bambini a distinguere in modo divertente i colori e iniziare a trasmettere l’ idea che la materia è sempre evoluzione e che nulla resta uguale, ma tutto si trasforma in altro. Si può stimolare la fantasia, facendo creare ai bambini nuovi colori e sfumature da usare nei loro giochi.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Quali sono i colori primari?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: I colori possono essere divisi in primari, secondari terziari e complementari , Il gioco dei colori è ottimo soprattutto per insegnare ai bambini a distinguere in modo divertente i colori

Giudizio negativo Svantaggi: nessun svantaggio

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: bambini colori primari giochi

Categoria: Giochi e passatempi

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Quali sono i colori primari?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento