Quali documenti occorrono per il divorzio?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 18:13:45 18-02-2011

I coniugi che hanno ottenuto la sentenza di separazione possono richiedere il divorzio, consensuale o giudiziale, dopo che siano trascorsi almeno tre anni dalla sua emissione.

Il divorzio è disciplinato dall’articolo 149 del Codice Civile, dalla legge 898/1970 e dalla legge n. 74/1987.

L’istanza congiunta di divorzio deve essere sottoscritta da entrambi i coniugi ed indirizzata al tribunale del luogo di residenza dell’uno o dell’altro indifferentemente.
L’istanza viene depositata da un legale, che può essere lo stesso per entrambi, al quale i due coniugi hanno conferito mandato.
In caso di divorzio giudiziale la richiesta può essere fatta da un solo coniuge quando l’altro risulta domiciliato all’estero o irreperibile, o in qualsiasi tribunale italiano quando entrambi i coniugi risiedono all’estero.

L’istanza deve essere corredata dai seguenti documenti:
estratto dell’atto di matrimonio del comune nel quale è stato celebrato
stato di famiglia di entrambi i coniugi
certificato di residenza storico di entrambi che attesti la residenza separata dal momento della separazione alla data nella quale si fa la richiesta, in alternativa una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che va sottoscritta presso il Comune
copia autentica del verbale di separazione omologato, in alternativa quello della sentenza di separazione passata in giudicato
dichiarazione dei redditi di entrambi i coniugi, essenziale nel caso i due abbiano un figlio minorenne.
Tutti i documenti devono essere in carta libera, ovvero senza bolli.

Una condizione necessaria per la presentazione dell’istanza è che almeno un coniuge abbia la residenza in Italia.

Una volta che il tribunale riceve l’istanza entro due – quattro mesi viene fissata l’udienza alla quale devono presentarsi entrambi i coniugi.

Se non ci sono ostacoli e particolari richieste di tipo patrimoniale e sui beni immobili e si attesta che in effetti c’è stata una separazione ininterrotta di tre anni e che quindi non c’è stata riconciliazione dopo circa 40 giorni viene emessa la sentenza di divorzio.
La sentenza del Tribunale riguarda sia i problemi patrimoniali, divisione dei beni in comune o dell’abitazione familiare, sia il versamento dell’assegno divorzile sia l’affidamento della prole.

Con il divorzio decadono i diritti e gli obblighi derivati dal matrimonio, la comunione legale dei beni e l’eventuale partecipazione dell’ex coniuge ad un’impresa familiare.

Nel caso in cui i coniugi si siano sposati all’estero ed abbiano lì ottenuto la sentenza di divorzio possono richiederne il riconoscimento in maniera automatica in Italia.
La sentenza sarà valida se pronunciata secondo i principi del nostro ordinamento e senza che durante il processo ci siano stati atti intimidatori verso una delle due parti.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Quali documenti occorrono per il divorzio?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Con il divorzio decadono i diritti e gli obblighi derivati dal matrimonio , La sentenza sarà valida se pronunciata secondo i principi del nostro ordinamento

Giudizio negativo Svantaggi: Il divorzio è disciplinato dall'articolo 149 del Codice Civile, dalla legge 898/1970 e dalla legge n. 74/1987

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: coppia divorzio separazioni

Categoria: Matrimonio

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Quali documenti occorrono per il divorzio?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento