Quale App usare per imparare nuove lingue

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 12:28:39 08-11-2017

C’è poco da fare. Al giorno d’oggi, chi non conosce almeno una lingua straniera (inglese in primis) non può che rimanere tagliato fuori e il turista che pensa di potersi affidare esclusivamente a Google Maps e Google Translate per il viaggio vedrà ben presto quanto si sbaglia – per tutto tranne le cose più basilari, conoscere almeno un poco la lingua è essenziale per semplificarsi la vita ed evitare figuracce.

È anche vero, però, che imparare nuove lingue da zero richiede tempo e denaro, cosa che non molti possono permettersi – ed è per questo che esiste una pletora di app che ce lo consentono, coi nostri tempi, mezzi e disponibilità.

Quali app scegliere

Chiaramente, non si può installare la prima app che capita.
Se davvero si vuole imparare, ci si deve accontentare solo del meglio – e oggi intendiamo proporre tre delle applicazioni più indicate, scelte in base a criteri di costo, di numero di lingue offerte, di completezza dei corsi e accessibilità.

Duolingo (Android, Apple, Windows Phone; gratuito)

La scelta più economica, ma non per questo la peggiore.
Il numero di lingue offerte è limitato, ma il percorso di studio per esse è completo e facilmente personalizzabile – gli argomenti sono separati in categorie e un rapido test iniziale consente di capire quale livello di esercizi sarà più adatto.
Un piccolo bonus interessante è l’inclusione di obiettivi giornalieri e punteggi in ogni esercizio, confrontabili con quelli di altri utenti per un po’ di sana competizione e per tenere vivo l’interesse.

Memrise (Android, Apple; sottoscrizione mensile)

La scelta più adatta per una conoscenza più pratica della lingua, a 8 euro al mese.
Con una gamma di lingue pressoché impareggiabile (100+) e un meccanismo d’insegnamento interattivo, basato sull’associare lessico, immagini, suoni e pronunce, Memrise è un eccellente supplemento sia per chi già conosce la lingua e vuole approfondire oppure per chi sta partendo dalle basi.
Come Duolingo offre punteggi per i propri risultati, ma le classifiche sono globali e condivisibili su Facebook.

Babbel (Android, Apple; sottoscrizione mensile, trimestrale o annuale)

La scelta più completa, adatta per chi vuole affrontare in profondità la sua nuova lingua, e anche la più costosa a 10 euro al mese (meno per sottoscrizioni più lunghe).
L’offerta formativa di Babbel è più esaustiva rispetto alle altre due app, comprendendo ampie lezioni piuttosto tradizionali per ogni argomento e includendo anche strumenti di riconoscimento vocale per ricevere correzioni sulla propria pronuncia e sul parlato.

In conclusione…

Non c’è un’app migliore o peggiore, qui – solo più o meno adatte alle nostre necessità d’apprendimento. Scegliete bene!

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Quale App usare per imparare nuove lingue
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Imparare lingue straniere ai propri ritmi. , Lezioni sempre con noi, sempre a disposizione.

Giudizio negativo Svantaggi: Procedere coi propri ritmi richiede costanza.

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: app imparare le lingue

Categoria: Computer e Internet

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Quale App usare per imparare nuove lingue? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento