Come proteggersi dalle malattie infettive?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 8:49:13 29-12-2010

Sono decine di milioni, ogni anno, gli italiani che soffrono di malattie infettive. Di questi, peraltro, ben 22 milioni sono colpiti da un semplice raffreddore, infezione che può essere trasmessa da oltre duecento ceppi vitali, non solo attraverso la saliva con tosse e starnuti, ma anche con il semplice contatto. Quali sono, dunque, gli accorgimenti da adottare per proteggersi dalle malattie infettive? La via principale di contagio è rappresentata dalle mani. Nel corso della giornata, sono molte le occasioni in cui è possibile entrare in contatto con superfici contaminate da virus, batteri, germi, microbi e ogni genere di microorganismi. Non solo sui mezzi pubblici, ma anche su oggetti cui non prestiamo attenzione come telefoni cellulari, cornette del telefono, carrelli della spesa, tastiere del computer, mouse, corrimano delle scale mobili, banconote e monete. Come fare, dunque, per combattere le malattie infettive? Rinunciare a uscire di casa? Certo che no, basta semplicemente applicare alcune norme di carattere igienico sanitario, la prima delle quali consiste nel lavarsi le mani dopo essere usciti e prima di mangiare. Tuttavia, non sempre ciò è possibile: in questi casi è necessario ricorrere a uno dei tanti gel igienizzanti, che sterilizzano le mani (il più comune dei quali è l’amuchina) a ad altri prodotti simili, che funzionano come una sorta di guanto invisibile, rendendo impossibile la trasmissione del virus. Si tratta di prodotti utilizzabili in viaggio, che non necessitano di acqua, e che possono essere usati senza problemi anche dai bambini. Ma le malattie infettive non sono costituite esclusivamente dai classici malanni di stagione quali influenza, tosse e raffreddore. Anche in spiaggia, o in piscina, possiamo contrarre una malattia infettiva, considerando che batteri, funghi e virus prosperano in condizioni di umidità e caldo. Anche in questo caso, tuttavia, è sufficiente prestare attenzione a semplicissime regole per evitare problemi. Non è detto che frequentare una piscina equivalga automaticamente a prendere un fungo. A patto che la manutenzione sia adeguata, ad esempio, non si corrono rischi sul bordo o in acqua, visto che l’utilizzo di disinfettanti tiene al riparo dalle aggressioni di batteri e affini. Se, quindi, possiamo entrare e uscire dall’acqua senza problemi a piedi nudi, è necessario mettere le ciabatte lontani dal bordo, e soprattutto nelle docce e negli spogliatoi. Per quanto riguarda gli asciugamani forniti dalle strutture, essi sono sicuri, in quanto lavati per legge ad alte temperature. In questo caso, dunque, nessun rischio di infezioni cutanee o intime. I bambini, poi, possono stare nudi in spiaggia, ma facendo attenzione a farli sedere su teli puliti. Viceversa, se giocano sulla sabbia il costume è d’obbligo. A sua volta, per grandi e piccini, bisogna prestare attenzione proprio al costume, che, se bagnato, quando entra in contatto con la pelle può portare a infezioni delle vie urinarie o alla candida: ecco perché è sempre necessario rimanere sotto i raggi del sole per farlo asciugare.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come proteggersi dalle malattie infettive?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento