Come prendersi cura di un cane vecchio?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 22:22:16 09-12-2010

Un cane anziano, in linea di massima, è un cane che è con noi da molto tempo.
Questo ci avrà permesso di abituarci l’uno all’altro e di conoscere le reciproche debolezze, punti di forza e manie. Anche se anziano il cane, pertanto, sarà abituato a rispettare i nostri ritmi e conoscerà bene le nostre abitudini quotidiane.
Che fare per trattare al meglio il nostro fedele “nonno a quattro zampe?”
Innanzi tutto l’anzianità di un cane non è un fatto univoco: La durata media della vita dei cani di grossa taglia e dei cani di razza in genere è più breve dei cani piccoli e/o meticci (o bastardi, se preferiamo); questi ultimi quindi diventeranno anziani più tardi.
Altra variabile da considerare è il tipo di vita che il cane ha vissuto e le esperienze che lo hanno segnato. Un cane traumatizzato per abbandono o peggio ancora per violenza e che abbiamo raccolto per sottrarlo a quella terribile vita ( cosa che purtroppo si verifica abbastanza spesso) o che abbiamo preso in un canile, diventerà vecchio e fragile prima di un suo simile che ha trascorso tutta la vita nella nostra casa.
In ogni modo, raggiunta la terza età, il cane merita trattamenti di riguardo.
Per prima cosa, come tutti gli anziani, il cane non ama i cambiamenti continui: per questo cercheremo di rispettare il più possibile un ritmo regolare, facendolo uscire con cadenze precise.
Durante le sue passeggiate il cane amerà ancora andare ai giardini, ma non chiedetegli di correre con voi come quand’era un “giovanotto”, perché per cercare di non deludervi si sottoporrà a sforzi eccessivi.
Ancora, come tutti gli anziani, anche di specie umana, il vostro cane non sempre sarà disponibile a sopportare l’energia e la vivacità dei cuccioli, quindi non sottoponetelo allo stress di incontrare, ai giardini, torme di giovani cani che si divertono. Insomma garantitegli il moto quotidiano che gli assicurerà di mantenersi attivo e lo preserverà da problemi alle articolazioni, ma evitate di strafare.
Inoltre c’è da considerare l’alimentazione. Anche per questo è importante rispettare il ritmo (una o due volte al giorno, a seconda delle abitudini) e la qualità.
L’ideale sarebbe cibo fresco che gli garantisca un apporto equilibrato di vitamine e proteine, ad esempio riso cotto con verdure e carne o frattaglie, senza dimenticare un po’ d’olio di oliva. Se però non avete abbastanza tempo a disposizione potete ripiegare sul cibo secco, purchè sia di buona qualità e purchè stiate bene attenti alle quantità. Di solito è indicata sulle confezioni: se facciamo lo sforzo di misurare la prima volta la dose adeguata al nostro amico eviteremo di nutrirlo troppo o troppo poco a causa della nostra fretta.
Infine non dimenticate che un cane è un animale dignitoso: non vestitelo come un umano, solo perché vi sembra che prenda freddo e non tosatelo in modo che assomigli a un topo solo perché vi sembra che abbia caldo. Tranne che in casi estremi il cane ha le sue difese naturali e preferirà certamente ricorrere a queste che non vedere mortificato il suo senso del ridicolo.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come prendersi cura di un cane vecchio?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento