Come praticare il bungy jumping?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:29:02 06-07-2011

Il bungy jumping, conosciuto in Italia anche con il nome di salto con elastico, è una pratica sportiva per veri temerari. Si tratta, infatti, di uno sport estremo a tutti gli effetti. Colui che si lancia si fa legare, mediante un’imbracatura, ad un elastico. L’altra estremità è fissata alla piattaforma da cui si effettua il lancio. Come sport vero e proprio ha iniziato a prendere piede intorno agli anni Settanta, i primi lanci erano considerati illegali, data la pericolosità di lanciarsi a diverse centinaia di metri d’altezza con un elastico. Oggi, grazie alla sicurezza e alla maggiore affidabilità dei materiali utilizzati, c’è molta più preparazione. Per praticare bungy jumping non bisogna essere persone atletiche o sportive, ma un fisico prestante, una buona dose di coraggio e la salute nell’affrontare il salto non guastano. Non è uno sport per tutti,, questo è certo. Per praticare il salto con elastico bisogna godere di buona salute e non avere patologie, che possano portare a controindicazioni. Se si hanno tutti i requisiti idonei per poter saltare si cercano le ditte, che effettuano questo sport nella propria zona. Si tratta di personale esperto e qualificato, che lavora in questo settore e conosce tutte le normative di sicurezza. In Italia ce ne sono molte, basta cercarle o sugli annunci o su internet. Nella maggior parte dei casi le piattaforme sono allestite su dei ponti la cui altezza supera i 50-80 metri. Naturalmente ci sono diversi tipi di salto, a seconda anche dell’elastico che si utilizza. Alcuni possono espandersi per poche decine di metri, altri triplicare la loro espansione. In Italia il punto più alto è il ponte di Valgadena, circa 170 metri. Una volta raggiunta la zona del lancio bisogna sbrigare tutte le formalità del caso. Indicare il proprio peso, in modo da ricevere una imbracatura adeguata. Si assicura sul proprio stato di salute e poi si viene legati all’elastico mediante i moschettoni. Come ulteriore sicurezza c’è anche un’altra corda alla quale si viene legati. Il lancio può avvenire in solitaria o in coppia. E’ preferibile durante i primi lanci essere accompagnati da una persona esperta. Il lancio dura pochi secondi ma bisogna essere molto reattivi e non farsi prendere dal panico. Quando l’elastico inizia ad allungarsi c’è una fase di decelerazione. Raggiunto il suo massimo grado di tensione c’è uno strattone. Durante la caduta libera si sfiorano velocità molto elevate. Al primo lancio segue un forte rimbalzo, che rialza l’elastico per qualche metro. Al primo rimbalzo ne seguono poi altri due, che servono a smorzare la velocità di caduta. Dopo l’elastico si stabilizza e inizia la fase di penzolamento. In questa fase si viene recuperati dal personale addetto alla sicurezza a riportati a terra. Se si è particolarmente allenati si può evitare di penzolare a testa in giù, facendo forza sulla propria imbracatura per restare in posizione eretta.
L’unico svantaggio nel fare bungy jumping è quello di non prestare tutte le dovute attenzioni alla sicurezza e di prendere questo sport alla leggera. Il vantaggio è quello di provare un’esperienza senza precedenti.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Come praticare il bungy jumping?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: provare un'esperienza senza precedenti , Il lancio dura pochi secondi ma bisogna essere molto reattivi

Giudizio negativo Svantaggi: non è lo sport adatto a tutti

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: bungy jumping sport sport estremi

Categoria: Sport

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Come praticare il bungy jumping?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento