Possibili cancerogeni presenti nell’acqua potabile?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 9:21:41 30-12-2010

Due molecole di idrogeno e una d’ossigeno. L’acqua non è nulla di più. Anzi, meglio dire che non dovrebbe essere nulla di più, perchè oggi questa semplice formula è corretta solo per l’acqua detta “distillata”. Il liquido che esce dai rubinetti di casa ha ulteriori componenti che possono variare a seconda della località e di eventuali contaminazioni le cui cause possono essere molteplici, ma tuttavia sempre legate a qualche forma d’inquinamento. Un elemento che si trova ovunque, con solo variazioni nella percentuale, è il cloro. E si sente!
Alla domanda se nell’acqua potabile possano essere presenti sostanze cancerogene,la risposta purtroppo non può che essere affermativa. Lo dimostrano studi recenti condotti in numerose parti del mondo. Il più interessante giunge dal Giappone, dove un team di studiosi ha messo sotto il miscroscopio proprio l’onnipresente cloro. Questa sostanza è molto reattiva e la combinazione con altre sostanze, minerali e persino con materiale organico presente nel nostro corpo, può trasformarla in qualcosa di potenzialmente molto nocivo. Ad esempio,è risultato che l’incontro del cloro con frutta e verdura può dar vita a composti cancerogeni. Ora, visto che tali alimenti vegono invariabilmente lavati con l’acqua potabile, ci vuol poco per trarre le debite conclusioni. Per essere certi di mangiare frutta e verdura non potenzialmente pericolose, dovremmo sottoporle a lavaggi con l’acqua in bottiglia (non che i componenti delle acque minerali in commercio siano del tutto salutari).
Ma non è solo il cloro a creare una giusta preoccupazione. Nei rifornimenti idrici sono rintracciabili, persino in notevoli quantità, numerosi minerali tossici. Evitando di elencarli tutti, concentriamoci su quelli di cui è nota la pericolosità legata all’insorgenza di tumori.
Stilando un’ideale classifica, al primo posto mettiamo i nitrati. In minime quantità la loro pericolosità pare essere praticamente nulla. Ma se la concentrazione è elevata, nell’organismo umano si trasformano in nitriti o in nitrosamine cancerogene.
Tuttavia, elementi pericolosi non sono presenti propriamente nell’acqua, ma vi finiscono dai tubi. Uno di questi è il cadmio, metallo tossico ritenuto cancerogeno, rilasciato dalle tubature di ferro zincato.
Nell’acqua potabile si trovano anche arsenico, mercurio, piombo, alluminio ed altri veleni che inquinano le falde acquifere e che non sempre i depuratori riescono ad eliminare completamente.
Come già accennato, l’acquisto di acque minerali non garantisce la purezza delle stesse. Analisi chimiche e batteriologiche spesso tendono a sottolineare una maggiore garanzia di “purezza” dell’acqua potabile. Ciò pare sia garantito da verifiche e analisi molto più frequenti.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Possibili cancerogeni presenti nell’acqua potabile?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento