Come è possibile ridurre il rischio di malattia di Alzheimer?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 12:16:33 29-11-2010

Il morbo di Alzheimer è una demenza degenerativa invalidante con una prognosi infausta .

L’esordio di questo morbo si ha quasi sempre durante l’età senile , quindi intorno ai sessantacinque anni . Questa malattia può essere considerata a grandissimo impatto sociale in quanto tende a sfiancare non solo il paziente ma anche la famiglia dello stesso . Senza contare le risorse finanziare necessarie per provvedere ai bisogni del malato .

Questa malattia agisce fondamentalmente distruggendo progressivamente tutte le cellule cerebrali inducendo , in questo modo , lo stato di demenza . Questa malattia ,nel tempo , rende incapace colui che ne è affetto di provvedere a sè stesso . Esistono vari livelli di questa malattia ognuno scandito da precisi regressi di natura cognitiva . Il morbo di Alzheimer è caratterizzato da tre fasi : lieve , intermedia ed avanzata .

Se , infatti , l’inizio della malattia è caratterizzato ” solamente ” da un calo cognitivo di modesta entità . Infatti il paziente presenta un lieve calo delle funzioni mnemoniche . Nella fase intermedia il malato comincia ad avere grossi problemi nella produzione del linguaggio accompagnati all’incapacità di ricordare nomi di persona oppure di oggetti .
Nella fase avanzata i deficit mnemonici vengono associati a disturbi comportamentali come , per esempio , vagabondaggio e reazioni comportamentali incoerenti . E disturbi psiciatrici tra i quali ansia e stordimento .

Per questo morbo non esiste una vera terapia ma solo cure in grado di rallentare i sintomi .
L’unico modo per combattere questa malattia è la prevenzione .

Vi sono molti modi che possono prevenire la degenerazione delle cellule cerebrali .

Si dice spesso che la salute comincia a tavola mediante una dieta equilibrata . In questo caso la dieta deve fare in modo di abbattere i livelli di omocisteina .

I livelli di omocisteina si abbassano principalmente mediante una dieta mirata . Diventa necessario in questo frangente diminuire in modo sostanziale l’assunzione di carne aumentando , di conseguenza , frutta e verdura . Questi cibi , infatti , sono ricchi di acido folico . Inoltre aiutano in questa direzione lo zinco ed il rame .

La dieta deve essere accompagnata dall’attività fisica essenziale per ritardare complessivamente i danni provocati dal tempo .

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come è possibile ridurre il rischio di malattia di Alzheimer?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento