Perchè Rita Levi Montalcini ha ricevuto il nobel ?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 17:16:00 09-02-2011

La signora della scienza, così è stata definita in modo molto calzante, costituisce un motivo d’orgoglio per il nostro Paese. Rita Levi Montalcini è una scienziata che vanta una vita straordinaria: nata nel 1909 a Torino, ha voluto dedicarsi alla medicina in anni in cui alle donne era raro fosse concessa l’opportunità di affrontare qualsiasi tipo di studio, men che meno quelli scientifici. Perseverante, a tratti testarda, sicura delle proprie capacità, non si può dire abbia avuto una vita facile. Lei, donna in un ambiente accademico esclusivamete maschile (per non dire maschilista); lei, ebrea in un periodo storico segnato dalle persecuzioni razziali; ha sempre proseguito per la sua strada, pur vivendo l’esperienza della lotta partigiana, senza tentennamenti. Ancora oggi, ultracentenaria e privata della vista a causa della degenerazione della macula, continua le sue ricerche per trovare risposte sul più grande mistero dell’uomo, ossia la mente.
Proprio le sue ricerche le hanno fatto conquistare il premio più ambito da ogni studioso, il Premio Nobel.
Rita Levi Montalcini è arrivata a questo traguardo il 10 dicembre 1986. Quel giorno è salita sul palco del palazzo di Stoccolma senza esibire alcuna emozione, con un piglio orgoglioso ma contenuto. Ma quale è stata la scoperta da Nobel di Rita Levi Montalcini? La signora della scienza, laureata in psichiatria, ha dedicato la vita allo studio della mente e in particolare a dimostrare che esiste un fattore specifico che determina la crescita dei neuroni (denominato NGF). La scoperta arrivò negli anni ’50 per poi essere perfezionata negli anni successivi. La sua equipe di ricercatori riuscì a perfezionare le tecniche per la purificazione del NGF, studiando la saliva dei topi, e giunse a rendere nota la struttura primaria del fattore di crescita dei neuroni. Nel 1983, sull’onda di tale scoperta, due gruppi di ricercatori americani arrivò ad identificare il gene che programma la sintesi di questa molecola in alcuni animali e nell’uomo. Nel frattempo, la Montalcini si era ritirata dalla direzione del centro di ricerca per raggiunti limiti di età, ma non ha mai smesso di lavorare, convinta peraltro che mantenere la mente impegnata sia l’elisir di lunga vita. Alla consegna del Nobel, la motivazione letta all’uditorio, riportava la frase “Il lavoro della Levi Montalcini è di fondamentale importanza per la comprensione dei meccanismi che regolano la crescita delle cellule e dei tessuti”. Una signora che non solo ha portato lustro all’Italia, ma che ha dimostrato quanto il contributo delle donne al mondo scientifico sia determinante. Un esempio che a tutt’oggi non ha eguali, uno sprone per chi si trova a tentennare davanti alle difficoltà.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Perchè Rita Levi Montalcini ha ricevuto il nobel ?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento