Nuove etichette carburanti: come riconoscere benzina , diesel, GPL ?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:16:28 17-01-2019

Anche in Italia dal 12 ottobre 2018 sono entrate in vigore le nuove etichette carburanti, le quali saranno applicate sulle pompe e sulle colonnine delle stazioni di servizio. Questa innovativa soluzione è già stata approvata dalla Comunità Europea, con l’intento di uniformare in modo chiaro e dettagliato la simbologia che contraddistingue i vari tipi di combustibili usati durante il rifornimento. Molto spesso infatti, si sono verificati spiacevoli inconvenienti durante la fase di selezione dell’erogatore da parte di cittadini comunitari, tratti in inganno dalla diversa colorazione della pompa.

Con l’adozione di queste nuove etichette, la rete di distribuzione di carburanti si uniformerà alle normative europee, riducendo al minimo la possibilità di confondere i consumatori.
Tramite questa simbologia, il conducente del mezzo potrà individuare con una semplice occhiata il tipo di carburante adatto alla propria autovettura.

Queste etichette, inoltre, saranno presenti vicino al bocchettone di rifornimento di tutte le automobili di ultima generazione. Questi precisi simboli saranno di forma circolare per la benzina, a rombo per il GPL e metano e quadrata per il diesel.

Sulle pompe di benzina verrà esposta la lettera E seguita da un numero, il quale specificherà la percentuale di combustibile green presente nel carburante. L’unione petrolifera italiana ha spiegato che nel nostro Paese sarà presente solamente le lettera E, dato che non è commercializzata alcun tipo di benzina con percentuali di etanolo.

Il diesel sarà indicato invece con la lettera B, seguita anch’essa da un numero che precisa la percentuale di ecodiesel presente. Se la lettera B sarà seguita dalla sigla XTL, significa che il gasolio sarà di tipo sintetico, ossia non derivante dal petrolio.

Per quanto riguarda i combustibili gassosi, questi saranno indicati con la sigla H2 per l’idrogeno, con LNG il gas naturale liquefatto e con LPG il GPL.

Le associazioni di categoria si sono mostrate fiduciose per quanto riguarda questo tipo di modifica, precisando che l’unificazione della simbologia indicante i diversi tipi di carburante, renderà molto più intuitiva la fase di rifornimento della propria vettura in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea.

Nuove etichette carburanti: come riconoscere benzina , diesel, GPL ?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Minore possibilità di commettere errori , Unificazione della simbologia dei carburanti a livello europeo

Giudizio negativo Svantaggi: In alcuni Stati la benzina non contiene etanolo

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: carburante etichette carburanti

Categoria: Auto e trasporti

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Nuove etichette carburanti: come riconoscere benzina , diesel, GPL ?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento